Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Regolamento del Consiglio CE 1/2003: la modernizzazione del diritto della concorrenza europeo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Tali requisiti volgono comunque alla salvaguardia effettiva del diritto alla concorrenza nonché degli utilizzatori finali del prodotto o servizio oggetto dell’intesa stessa, alla stregua di principi prettamente legati alle regole del mercato. La mera esistenza dei requisiti elencati dall’articolo 81, paragrafo 3, non determina automaticamente l’opportunità di un’esenzione, essendo richiesta da parte delle imprese interessate, la dimostrazione fattuale-empirica dell’utilità pratica dell’intesa, attuando il noto test di proporzionalità tra obbiettivo dell’intesa stessa e conseguente restringimento dei valori concorrenziali, valutando le eventuali soluzioni meno restrittive delle regole antitrust 12 . Sono da intendere esclusi a priori, gli accordi e le intese capaci di restringere la competizione sulla gran parte del mercato. Il che, va ricordato, dovrà essere dimostrato dalle imprese interessate, sulle quali incombe il considerevole onere della prova 13 . La preferenza di un regime di autorizzazione preventiva ha le sue basi in una serie di principi intesi a perseguire tre obiettivi principali: 1) il miglioramento degli strumenti di informazione a disposizione delle autorità di controllo dal momento che, all’epoca, né i servizi della Commissione né le autorità competenti degli Stati membri, avevano una conoscenza sufficiente dei mercati; 2) la garanzia nei sei paesi fondatori di un regime di applicazione dell’articolo 81 sufficientemente omogeneo, che presupponeva una centralizzazione del controllo e quindi l’attribuzione alla Commissione della competenza esclusiva a dichiarare inapplicabili a un’intesa le disposizioni dell’articolo 81 comma 1, in virtù 12 V. sentenza 21 febbraio 1995, n. T-29/92, SPO c. Commissione, in Racc., 1995. 13 VBVB e VVVB, in Racc. 1984.

Anteprima della Tesi di Nicola Neo

Anteprima della tesi: Il Regolamento del Consiglio CE 1/2003: la modernizzazione del diritto della concorrenza europeo, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Nicola Neo Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5537 click dal 06/12/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.