Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Regolamento del Consiglio CE 1/2003: la modernizzazione del diritto della concorrenza europeo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 In realtà, la formulazione negativa “le disposizioni del paragrafo 1 possono essere dichiarate inapplicabili”, ha lasciato al legislatore comunitario, in virtù dell’articolo 83 (allora 87 del Trattato), la scelta fra un regime di autorizzazione e un regime di eccezione legale. In questo ambito, l’articolo 83 del Trattato conferisce al Consiglio, su proposta della Commissione e previa consultazione del Parlamento Europeo, il compito di predisporre le regole di procedura, mediante l’adozione di regolamenti e direttive, per l’applicazione dei principi contenuti negli articoli 81 e 82 del Trattato CE. Tali atti devono avere lo scopo di determinare le modalità di applicazione dell’articolo 81, paragrafo 3, avendo riguardo alla necessità di esercitare una sorveglianza efficace e nel contempo, semplificare, per quanto possibile, il controllo amministrativo delle istituzioni sulle imprese. In applicazione del citato articolo 83 del Trattato CE, il legislatore comunitario del 1962 con l’adozione del regolamento n. 17, ha voluto porre in essere un regime fondato sulla regola del controllo ex ante mediante un meccanismo di autorizzazione, il quale prevede che la Commissione sia interpellata preventivamente mediante una procedura di notifica, in sé non obbligatoria ma che diventa tale per le imprese che intendano avvalersi delle disposizioni dell’articolo 81, paragrafo 3. In questo contesto, deve allora sottolinearsi che, le esenzioni ex articolo 81, paragrafo 3, sono ammissibili qualora le intese rilevanti siano giustificate alla luce di esigenze di ambiente 7 , di politica sociale 8 , di politica energetica 9 , dei trasporti 10 o culturale 11 . 7 V. le decisioni della Commissione Carbon Gas Techonoligie, in G.U.C.E., n. L 376/1983, p. 17; Kbs/Goulds/Lowara/ITT,in G.U.C.E. n. L 19/1990, p. 25; Exxon/Shell, in G.U.C.E., n. L 144/1994, p. 25; Philps/Osram, in G.U.C.E., n. L 378/1994, p. 37. 8 V. sentenze Metro I e II, Remia e Fedetab.

Anteprima della Tesi di Nicola Neo

Anteprima della tesi: Il Regolamento del Consiglio CE 1/2003: la modernizzazione del diritto della concorrenza europeo, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Nicola Neo Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5540 click dal 06/12/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.