Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La televisione del futuro: digitalizzazione e interattività

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Ulisse Vitali La televisione del futuro: digitalizzazione e interattività 8 2. La televisione digitale 2.1 Definizioni e aspetti tecnici Svolgendo il lavoro di ricerca per questa analisi sulla televisione digitale ho potuto constatare come attorno ad essa aleggi una certa mancanza di chiarezza, una sorta di incomprensione generale. Se da un lato esiste tutta una letteratura riguardante la TV digitale e gli addetti ai lavori ne conoscono molto bene le potenzialità, dall’altro essa resta, per gran parte dell’opinione pubblica, qualcosa di assai nebuloso. Quando si tratta di distinguere, per esempio, una macchina fotografica digitale da una “normale”, quasi tutti non hanno problemi ad elencarne le differenze. Nel differenziare invece televisione analogica e digitale emergono dubbi e incertezze e si finisce spesso per fare confusione, mescolando diversi aspetti tecnologici e di contenuto che invece andrebbero tenuti distinti. Ad intricare ancor più la situazione intervengono inoltre tutta una serie di sigle e acronimi che accompagnano la nuova tecnologia digitale. Il passaggio da una TV analogica a una digitale è certamente una questione tecnica, ma, come verrà discusso nei capitoli successivi, è particolarmente interessante capire quali nuovi contenuti la televisione digitale potrà veicolare. 2.1.1 Differenza tra analogico e digitale Innanzitutto credo sia inevitabile partire dalla basilare differenza tra trasmissione di un segnale in forma analogica e in forma digitale. La trasmissione analogica (dal greco aná-logos, cioè “essere in rapporto con”, “proporzionato”) consiste nella rappresentazione di un suono o di un’immagine tramite il rapporto con un’altra grandezza fisica, nel caso della televisione si tratta di impulsi elettromagnetici, che varia proporzionalmente, quindi in analogia, con il variare del fenomeno originale. L’esempio classico è quello del telefono, in cui la voce fa vibrare la membrana del microfono producendo un segnale elettrico proporzionale alla vibrazione stessa. Il segnale viene poi riconvertito in vibrazioni (e quindi in voce) dall’altra parte del collegamento telefonico tramite il piccolo altoparlante presente nella cornetta. Lo stesso discorso vale per la trasmissione analogica di immagini e suoni televisivi. La trasmissione digitale (dall’inglese digit, cioè “cifra”) prevede invece che il segnale continuo elettromagnetico, anziché essere trasmesso direttamente, venga prima trasformato in una serie di numeri. Questi numeri vengono poi codificati in forma binaria in

Anteprima della Tesi di Ulisse Vitali

Anteprima della tesi: La televisione del futuro: digitalizzazione e interattività, Pagina 4

Tesi estera

Autore: Ulisse Vitali Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12076 click dal 14/12/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.