Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problemi giuridici della teleamministrazione e atto elettronico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 svolgimento di una attività; e non può dirsi prestazione personale in quanto non proviene da una persona, ma da una macchina e non è valutabile in termini soggettivi, ossia con riferimento al suo autore, ma solo in termini oggettivi di esatto o non esatto funzionamento e di imputazione dei connessi rischi. Più affine è l’attività automatica di altri tipi di beni e, in particolare, ai beni immateriali come le opere dell’ingegno oggetto dei diritti d’autore e di brevetto. Da questi, tuttavia, si differenzia in quanto la sua utilità non consiste nella possibilità di utilizzazione da parte del titolare, ma nell’attuazione da parte di una macchina, sicché la disciplina dei beni immateriali, e, in particolare, del diritto d’autore, non appare del tutto adeguata all’esigenza di tutela del nuovo bene; e, d’altraparte, la configurabilità di quest’ultimo non presuppone quei requisiti di novità e di originalità necessari per la tutela brevettuale. La natura dell’attività automizzata costituisce, dunque, la ragione della particolarità del diritto dell’informatica e ciò che ne delimita i confini. In particolare non può dirsi che vi rientrino, se non per una vis attractiva di valore meramente contenutistico, tutti quei rapporti che, pur avendo per oggetto l’elaboratore, non riguardano l’attività automizzata e per i quali si appalesa così sufficiente la disciplina tradizionale. Ad esempio la comune identificazione dei contratti informatici con quei contratti che hanno per oggetto l’elaboratore nella struttura fisica o i programmi o i servizi da essi prestati finisce per comprendere una campo così vasto e fattispecie tanto varie da pregiudicare l’utilità stessa della categoria così individuata. Occorre, invece, limitare la qualifica di contratti informatici a quei soli contratti in cui l’oggetto, l’adempimento o la conclusione stessa del contratto sono costituiti da prestazioni informatiche, ossia da attività automizzate. In questi infatti, sorgono

Anteprima della Tesi di Monica Sansone

Anteprima della tesi: Problemi giuridici della teleamministrazione e atto elettronico, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Monica Sansone Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1781 click dal 21/01/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.