Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo di gestione nelle PMI: il caso GIS S.p.A.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 2 - organizzative ed alla minore formalizzazione gerarchica, siano efficacemente ed agevolmente implementati e messi al servizio del management e dunque del processo decisionale strategico . Gli strumenti di controllo di gestione possono essere distinti, in maniera molto generale, in due grandi categorie: quelli tradizionali e quelli innovativi. Gli strumenti tradizionali di controllo, la cui funzione principale è quella di verificare che la gestione si svolga secondo criteri di economicità, ossia in modo da conseguire nel medio-lungo periodo un flusso di ricavi tale da garantire la copertura dei costi sostenuti e la congrua remunerazione del capitale di rischio, sono essenzialmente (tavola 1): Tavola 1 – Le fasi del controllo di gestione ¾ il BUDGET, che è quel documento che, una volta formulate le strategie, racchiude (basandosi sui concetti di COSTO e RICAVO STANDARD) per le diverse aree aziendali gli obiettivi programmatici, permettendo di realizzare il cosiddetto controllo ANTECEDENTE (EX-ANTE), cioè propedeutico alla realizzazione dei piani operativi; ¾ la CONTABILITÀ ANALITICA, che consente, in base al metodo utilizzato (principalmente DIRECT COSTING e FULL COSTING), di raccogliere le informazioni analitico-quantitative relative ai diversi oggetti di calcolo; ¾ il REPORTING, che è un’attività di redazione di rendiconti nei quali vengono riportati i dati effettivi da confrontare, periodicamente, con i dati obiettivo/programmatici in modo da realizzare il cosiddetto controllo CONCOMITANTE (FEED-FORWARD), indispensabile ad effettuare il check-up periodico della gestione ed intervenire tempestivamente qualora si verifichino anomalie (a tal scopo si procede all’analisi degli scostamenti); ¾ l’ANALISI DI BILANCIO per indici e flussi, che, attraverso operazioni di rielaborazione dei dati di bilancio (data l’eccessiva sinteticità dello schema previsto dal legislatore nell’art. 2425 c.c.) consente di esprimere, alla fine dell’esercizio (ma anche infrannualmente sulla base di

Anteprima della Tesi di Gemino Di Giuliano

Anteprima della tesi: Il controllo di gestione nelle PMI: il caso GIS S.p.A., Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Gemino Di Giuliano Contatta »

Composta da 236 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16876 click dal 25/01/2005.

 

Consultata integralmente 63 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.