Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La transizione economica del Kazakistan

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 85% delle precipitazioni avvengono nella stagione invernale, fra ottobre ed aprile Il terreno è in prevalenza arido, deserti e steppe occupano circa l’80% del territorio ed una particolarità è la concentrazione di infiorescenze saline e vegetazione alofila dovuta alla forte salinità dei terreni (terreni solontchak) 5 . Nonostante l’aridità dei suoi terreni si trovano più di 17.000 laghi naturali 4.000 dei quali classificati come salini 6 . Il più grande (se si esclude il Mar Caspio la cui natura è ancora in discussione 7 ) è il Lago d’Aral, oggetto di una delle più gravi catastrofi ecologiche del secolo a causa della deviazione delle acque dei suoi immissari il Syr Darya il maggior fiume kazako e l’Amu Darya. Nella parte orientale si trova il Lago Balkhash con un’area di 18.000 Km² e un volume di 112 Km³ i cui immissari, Aksu, Karatal e Ili, scendono dai rilievi meridionali. Il lago Zaysan (5500 Km²) viene alimentato dal Kara Irtysh che proviene dalla Cina, il suo emissario è l’Irtysh che, dopo aver attraversato Kazakistan e Siberia confluisce nell’Ob, formando uno dei bacini idrografici più grandi di tutta l’Asia. Esistono altri laghi minori come il Tengiz (1590 Km²), l’Alakol, il Seletyteniz e il Sasykkol, e altri fiumi come il Cu e il Sarysu che si esauriscono nella Steppa della Fame. Inoltre, a causa del prosciugamento di molti piccoli laghi, si sono creati dei bacini artificiali come quello di 5 L’aumento della salinità dei terreni è conseguenza dell’inquinamento da fertilizzanti e pesticidi in aggiunta all’eccessiva irrigazione che è stata attuata per la coltivazione del cotone. Vedere CAPISANI G., “I Nuovi Khan”, BEM, Milano 1996. 6 La salinità varia secondo le zone, da 0.12 g/litro nella parte orientale, a 2.7 g/litro nella parte centrale. Fonte: AQUASTAT. 7 Al momento del crollo dell’Unione Sovietica è sorto il problema della suddivisione del Mar Caspio fra GLI stati costieri, la polemica riguarda il regime giuridico da applicare, se quello riferito al diritto del mare, o se considerare il Caspio un lago. (cfr. DJALILI M. R., KELLNER T., “Géopolitique de la nouvelle Asie Centrale”, puf, Paris, 2003).

Anteprima della Tesi di Giulia Caldana

Anteprima della tesi: La transizione economica del Kazakistan, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giulia Caldana Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3748 click dal 27/01/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.