Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1: I Fondi strutturali 11 Infatti, fino ad allora, la creazione degli strumenti necessari all’attuazione di tale politica, era stata possibile grazie all’art. 235 20 (ora art. 308, CE) del Trattato, il quale veniva combinato con la teoria dei poteri impliciti 21 . Il fine ultimo dell’integrazione europea sarebbe quello di realizzare una sempre più stretta integrazione economica tra gli Stati membri, ma affinché ciò possa accadere è necessario che non sussistano enormi divari fra le diverse regioni che compongono la Comunità stessa. La finalità politica, invece, è quella della creazione di una società europea più giusta e portatrice di opportunità, per tutti i suoi cittadini. A nostro parere, i nuovi passi compiuti verso l’integrazione e le nuove riforme dei Fondi, intervenute successivamente, fanno ritenere più credibile l’idea del ritorno al disegno politico e di una volontà delle istituzioni a far sì che tutte le regioni dell’Europa possano giungere a un eguale livello di sviluppo. Il concetto di coesione economica , come ricorda Monti 22 , riportando nel suo testo una citazione del Parere sulla Coesione economica e sociale del Comitato Economico e Sociale 23 , implica l’idea del riequilibrio come riavvicinamento dei redditi disponibili, delle strutture economiche e sociali, dei sistemi di welfare e delle politiche industriali. 20 “Quando un'azione della Comunità risulti necessaria per raggiungere, nel funzionamento del mercato comune, uno degli scopi della Comunità, senza che il presente trattato abbia previsto i poteri d'azione a tal uopo richiesti, il Consiglio, deliberando all'unanimità su proposta della Commissione e dopo aver consultato il Parlamento europeo, prende le disposizioni del caso.” 21 Teoria elaborata per la prima volta dalla Corte Suprema degli Stati Uniti e delineata in “versione comunitaria” dalle varie sentenze della Corte di Giustizia, secondo la quale se nel diritto comunitario viene attribuita una competenza a una delle istituzioni della Comunità, ciò comporta anche il potere di adottare le misure indispensabili per assicurare un esercizio efficace e appropriato di tale competenza. 22 L. Monti, I Fondi strutturali per la coesione europea, Roma, Edizioni SEAM, 1996, pag.16. 23 Comitato Economico e Sociale, parere su “Coesione Economica e Sociale”, in GUCE C/21/4/1992.

Anteprima della Tesi di Silvana Manca

Anteprima della tesi: I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvana Manca Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7850 click dal 01/02/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.