Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1: I Fondi strutturali 14 Gli obiettivi cui i fondi erano destinati passano, dai cinque precedenti a sette, in quanto viene aggiunto un sesto obiettivo (l’obiettivo 5 si componeva di una lettera a e di una lettera b). Inoltre si amplia notevolmente la sfera di azione comunitaria, attraverso l’attivazione di politiche quali la sanità pubblica, la protezione dei consumatori, le reti transeuropee, le industrie, la cooperazione allo sviluppo con i Paesi terzi. Nel 1993, vennero adottati dal Consiglio i nuovi regolamenti, atti a disciplinare il funzionamento dei Fondi strutturali. Se ne istituì anche uno nuovo dedicato alla pesca: lo Strumento finanziario di orientamento per la pesca (SFOP). Venne rafforzato ulteriormente anche il principio di corresponsabilità (c.d. partnership), che doveva permeare tutta la procedura di erogazione delle risorse, dalla programmazione alla valutazione ex-post. È importante sottolineare come la creazione di nuovi Fondi, e comunque le nuove modifiche, siano intervenute sempre in occasione di nuovi allargamenti e di nuovi passi verso l’integrazione 32 . Così la prima riforma è da ricondursi alla volontà degli Stati europei di realizzare il Mercato Unico, la seconda è legata alla creazione dell’Unione Economica e Monetaria, e la terza alla prospettiva di allargamento dell’UE ai Paesi dell’Europa orientale. 1.1.3 La riforma del 1999. Mentre l’Unione Europea procedeva a grandi passi lungo il suo cammino di integrazione economica e sociale, all’esterno dei suoi confini, accadevano fatti che facevano presagire che di lì a poco si sarebbe dovuta affrontare una nuova importantissima sfida. La dissoluzione dell’URSS nel 1991, portò con se non solo la fine del sistema bipolare e del conflitto est-ovest, ma anche l’apertura dei mercati dei Paesi satelliti del blocco sovietico che, probabilmente, guardavano all’Europa come unica soluzione ai problemi derivanti da questi importanti mutamenti. 32 G. Viesti, F. Prota, Le politiche regionali…,opera citata, pag. 31.

Anteprima della Tesi di Silvana Manca

Anteprima della tesi: I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvana Manca Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7851 click dal 01/02/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.