Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 2 Partendo dalla riforma italiana, che ha preso il via con il Seminario di Catania, analizzeremo l’importanza della c.d. “Nuova Programmazione”, con la quale si è arrivati alla decisione di concentrare, all’interno di un solo documento, tutte le risorse messe a disposizione per le politiche strutturali a livello non solo comunitario, ma anche nazionale e regionale. Le aspettative a riguardo sono notevoli, dal momento che si è introdotto un nuovo modo di gestire la “Questione meridionale”, dopo la fine degli interventi statali finanziati per il tramite della Cassa del Mezzogiorno. Ci soffermeremo inoltre sull’importanza che, per la RAS, riveste il principio di insularità, soprattutto in vista delle programmazioni future, le quali dovranno tenere conto dell’ingresso all’interno dell’Unione Europea dei nuovi dieci Stati membri provenienti dall’area PECO, avvenuto il 1 maggio 2004. Nell’elaborazione di questi due capitoli, ci siamo avvalsi soprattutto di documenti ufficiali emanati dai competenti organi regionali, gran parte dei quali è rinvenibile sulle pagine web della Regione, nella sezione dedicata all’Europa: c’è da dire però che alcuni di quelli utilizzati non sono più disponibili a seguito della sostanziale modifica subita dal sito nel maggio 2004. Il resto della documentazione regionale, invece, è stata reperita preso i vari uffici regionali, in particolar modo l’URP del CRP e l’Assessorato al Lavoro. La ricerca relativa a questo capitolo ci ha portato a concludere che gli effetti positivi dei Fondi strutturali per la Sardegna sono stati innumerevoli: ai benefici riscontrabili in campo economico, si affiancano gli importanti effetti riguardanti la struttura amministrativa italiana, in modo particolare la costituzione di strutture di controllo e gestione prima sconosciute in determinati ambiti, che hanno consentito, tra l’altro, una maggiore democratizzazione e pubblicità nelle selezioni dei beneficiari. Nell’ultimo capitolo abbiamo cercato di dimostrare in che modo si giunga alla realizzazione della strategia, soffermandoci ad analizzare la misura del POR relativa alle azioni per l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro. Le problematiche cui essa rimanda sono diverse, prima fra tutte quella delle pari opportunità, cui abbiamo dedicato parte del capitolo.

Anteprima della Tesi di Silvana Manca

Anteprima della tesi: I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvana Manca Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7850 click dal 01/02/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.