Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un protocollo ARQ adattativo per reti WirelessMAN mobili – IEEE 802.16e

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1- TCP su Reti Wireless Supportanti la Mobilità caratteristiche delle antenne del trasmittente. A tal proposito, se il trasmittente utilizza antenne isotropiche o omnidirezionali, esso trasmetterà una stessa onda elettromagnetica in tutte le direzioni. A causa delle riflessioni delle onde è possibile che onde trasmesse, seppur in direzioni opposte, giungano alla stessa destinazione, ed in generale in istanti diversi. A causa dello sfasamento prodotto dal diverso ritardo acquisito, dalle onde riflesse, nel percorrere il canale trasmissivo, il multipath è responsabile di un particolare tipo di fading: multipath fading. L’eventuale somma distruttiva delle onde ricevute provoca un abbassamento di potenza variabile nel tempo; la variabilità con cui si manifesta tale variazione è legata, principalmente alla velocità relativa tra gli agenti comunicanti e, in seconda analisi, a quella degli ostacoli incontrati dalle repliche. Anche il multipath si manifesta attraverso fluttuazioni della potenza ricevuta, ma contrariamente allo shadowing, le oscillazioni sono rapide e contenute. Nello scenario d’interesse, descritto dallo standard IEEE 802.16a (in cui si suppone che gli enti comunicanti siano fissi), il multipath fading rappresenta il disturbo principale del canale. La trasmissione sul modello di canale previsto da IEEE 802.16e è resa ancora più difficile a causa della mobilità delle MSS. La mobilità di questi terminali genera l’effetto Doppler, in base al quale le onde elettromagnetiche ricevute differiscono da quelle trasmesse perché il loro spettro risulta traslato di una quantità f D , chiamata frequenza Doppler, legata alla velocità relativa v tra gli enti comunicanti. Si dimostra che la massima frequenza Doppler associata ad una trasmissione BS-MSS, con MSS in movimento a velocità v è pari a : c ff D ν = dove f indica la frequenza del segnale trasmesso e c la velocità della luce. 11

Anteprima della Tesi di Domenico Mazzotta

Anteprima della tesi: Un protocollo ARQ adattativo per reti WirelessMAN mobili – IEEE 802.16e, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Domenico Mazzotta Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3125 click dal 15/02/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.