Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un protocollo ARQ adattativo per reti WirelessMAN mobili – IEEE 802.16e

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1- TCP su Reti Wireless Supportanti la Mobilità FER è anche definito come il tempo di permanenza del sistema, a regime, nello stato di BAD. Le probabilità di transizione dipendono da diversi fattori: caratteristiche di livello fisico, natura dello scenario considerato, ipotesi di lavoro. Per quanto riguarda il livello fisico, l’adozione di schemi di modulazione più robusti, come per esempio il QPSK, con profondità di codifica (Code Ratio) alte, rendono il canale più affidabile nei confronti dell’errore, e ciò comporta una riduzione della probabilità di errore dallo stato di GOOD allo stato di BAD, quindi un aumento del tempo di permanenza nello stato di GOOD. Anche la larghezza di banda (BandWidth) influisce sulle probabilità di errore in maniera direttamente proporzionale. La probabilità d’errore sui blocchi FEC è condizionata anche dalla frequenza di posizionamento nello spettro: passando da frequenze minori a frequenze maggiori tale probabilità subisce un aumento. Altri fattori che influenzano le probabilità di transizione di un modello di canale mobile, basato su catene di Markov, sono la distanza tra terminale fisso e terminale mobile e la velocità alla quale quest’ultimo si muove. Distanze maggiori accentuano i disturbi di fading in generale e portano ad aumenti della probabilità d’errore. Alla stessa stregua, velocità elevate delle MSS aumentano la frequenza Doppler delle onde elettromagnetiche trasmesse e contribuiscono ad un ulteriore aumento della probabilità d’errore sui blocchi FEC. Nel paragrafo seguente sono forniti alcuni risultati, ottenuti da diverse campagne di simulazioni, che mostrano il comportamento del canale modellato, in termini di probabilità d’errore e lunghezza media dei burst di blocchi FEC, per reti WirelessMAN mobili – IEEE 802.16e. 1.4 PARAMETRI DEL CANALE DI COMUNICAZIONE Per studiare le prestazioni dei protocolli dei livelli “alti” dello stack protocollare di Internet, è necessario fissare i parametri del canale di comunicazione. Inoltre, affinché tale analisi sia più esaustiva si devono studiare 14

Anteprima della Tesi di Domenico Mazzotta

Anteprima della tesi: Un protocollo ARQ adattativo per reti WirelessMAN mobili – IEEE 802.16e, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Domenico Mazzotta Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3125 click dal 15/02/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.