Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trascendenza e immanenza nel trascendentalismo kantiano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

V Scrive Kant, nell’Introduzione alla Critica della ragione pura: Ich nenne alle Erkenntnis transzendental, die sich nicht so wohl mit Gegenständen, sonder mit unserer Erkenntnisart von Gegenständen, so fern diese a priori möglich sein soll, überhaupt beschäftigt. Ein System solcher Begriffe würde Transzendental-Philosophie heißen iii . Con la filosofia trascendentale entriamo in un nuovo modo di considerare la conoscenza ed i suoi oggetti. « […] Trascendentale è l’indagine di ciò che, da parte nostra, rende possibile l’oggetto. Potremmo dire che la filosofia trascendentale resta anche nel nuovo [critico] significato indagine dell’essere dell’oggetto; ma nella concezione critica l’essere dell’oggetto consiste nel suo apparire: filosofia trascendentale diventa quindi l’indagine delle condizioni alle quali può apparire all’uomo un oggetto; indagine del nostro modo di conoscere […] in quanto costituisce l’oggetto stesso: in quanto dà all’oggetto la sua oggettività e quindi fonda la conoscenza a priori» iv . Conformemente a ciò, nella nostra trattazione, e subordinatamente al tema della relazione trascendenza-immanenza, ci chiediamo (perché è necessario chiederlo): come è possibile la conoscenza? Come può il soggetto essere soggetto di conoscenza e l’oggetto oggetto di conoscenza? Qual è la cifra comune che permette lo stabilirsi di un nesso di carattere conoscitivo tra questi estremi? Come è possibile ridurre la lontananza ontologica tra essi? O meglio: cosa diventa, in un’operazione trascendentale del conoscere, la trascendenza ontologica? Abbiamo aperto le porte della fortezza per far sì che penetri il “cavallo di Troia della cosa in sé”; ed ora come spieghiamo questo fatto? iii I. Kant, Kritik der reinen Vernunft, hrsg. von W. Weischedel, Suhrkamp, Frankfurt 1968, Bde. III-IV; (d’ora in poi KrV). iv S. Vanni Rovighi, Introduzione allo studio di Kant, La Scuola, Brescia 1968, p. 119-120.

Anteprima della Tesi di Giacomo Maria Virone

Anteprima della tesi: Trascendenza e immanenza nel trascendentalismo kantiano, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giacomo Maria Virone Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3523 click dal 21/02/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.