Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La poetica del confine.Tre poesie tradotte di Robert Frost

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 I was thinking of the extravagance of the universe, you know, what an extravagant universe it is. And the most extravagant thing in it, as far as we know, is man – the most wasteful, spending thing in it -,… . And poetry is a sort of extravagance, in many ways. It’s something that people wonder about. What’s the need of it? – you know. And the answer is, no need – not particularly 4 . [Stavo pensando alla bizzarria dell’universo, sapete, che stravagante universo sia. E la cosa più stravagante in esso, così come lo conosciamo, è l’uomo, la creatura più sprecona, dispendiosa-,…E la poesia è una bizzarra divagazione, in molti modi. È qualcosa su cui la gente si interroga. Che bisogno c’è della poesia? Sapete, no, com’è. E la risposta è che non è necessaria, non particolarmente.] É una dichiarazione sulla gratuità della poesia, ma anche su quella dell’uomo e dell’universo. Ed è significativo che Frost usi un verbo come <> in relazione alla poesia, che è una domanda piena di meraviglia sull’esistenza umana, creata nel felice peregrinare della mente. Non c’è nessuna necessità per cui l’uomo esista, egli è frutto di una libertà creativa che si muove all’interno di un insieme di leggi, sia che si chiami Dio o Evoluzione. E la poesia nasce dallo stesso atto, gratuito e necessario. << The extravagance lies in “ it sometimes seems as if ” 5 >> continua a dire il poeta e poco dopo chiarisce meglio il concetto di <> in rapporto alla poesia: And poetry is an extravagance about grief. And grievances are something that can be remedied, and grief is irremediable, you know 6 . [ E la poesia è una divagazione sul dolore. E ai torti si può rimediare, ma al dolore no, lo sapete.] Di questa fulminea definizione (vedremo come queste frasi epigrammatiche siano una sua peculiarità) si prenda ancora in considerazione il termine <> : esso ha in sé la radice del verbo latino <>, in italiano <> o a livello metaforico, <>, ossia vagabondare da un concetto all’altro senza una meta prefissata, unita al prefisso <> suggerisce un cammino che oltrepassi i limiti imposti dal senso comune, o buon senso che sia, per cercare nuovi traguardi in vie poco battute; un’immagine 4 On Extravagance: A Talk, in Collected Poems, Prose and Plays, a cura di R. Poirier e M. Richardson, New York, The Library of America, 1995, p 839. 5 <> , ibidem. 6 Ivi, p. 842.

Anteprima della Tesi di Francesca Marangoni

Anteprima della tesi: La poetica del confine.Tre poesie tradotte di Robert Frost, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesca Marangoni Contatta »

Composta da 211 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14800 click dal 28/02/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.