Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La poetica del confine.Tre poesie tradotte di Robert Frost

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 semplicità e oscurità, tradizione e moderno, libertà d’espressione e metrica, home and extravagance : All of these forms, shapes, joining, exist for Frost not despite differences and tensions but partly because of them. And all imply the possible domestication of the wanderer or of the vagrant; form or “home” must include the desire for what is beyond them. […] Poetry for him is the act of reaching out to take in the “extravagant”,… 9 . [Tutte queste forme, fogge, unioni esistono in Frost non malgrado differenze e tensioni, ma in parte a causa di esse. E tutte implicano la possibilità di “addomesticare” chi vaga con la mente o il corpo; la forma o “casa” deve includere il desiderio per ciò che esiste al di là di essa. […] La poesia per lui è l’atto di allontanarsi per raggiungere il “vagare”,…] È la continua ricerca di equilibrio che percorre le pagine di Frost non solo per quanto riguarda i significati, ma prima di tutto a livello stilistico; equilibrio tra metrica ed ispirazione, certo, come accade per tutti coloro che vogliono usare uno schema fisso, ma, e questo vale soprattutto per Frost, tra ritmo e tono. È la voce il primo e vero protagonista delle sue opere descritta in tutti i suoi toni e con tutte le inflessioni del parlato, perché la lingua poetica non si trova nei libri, ma nella bocca degli uomini; il sound of speech è la grande tecnica con cui Frost ha fatto amare agli americani i suoi versi, in cui essi leggevano il loro modo di quotidiano di parlare. Non si tratta di un esperimento dialettale o di tendenze populiste, Frost si sentiva a tutti gli effetti un abitante del New England e nel modo di esprimersi dei suoi conterranei apprezzava quella vitalità che non riusciva a trovare nelle opere dei poeti inglesi imposti come modello da università e accademie. Questa è la chiave della freschezza delle sue poesie, della spontaneità dei suoi personaggi. Le poesie di Frost andrebbero lette ad alta voce, come si faceva nell’antichità, per apprezzarne tutte le sfumature e cogliere meglio il significato e il poeta fece così per tutta la vita, girando le scuole a dare pubbliche letture delle sue opere, aiutando i suoi lettori a seguirlo su questa via di intepretazione; per lui the sound of speech coincideva con the sound of meaning: è il suono, come ha spiegato varie volte, il primo elemento che suggerisce il messaggio del testo, anch’esso in bilico tra tono di voce e 9 R. POIRIER, op. cit. , p. 98.

Anteprima della Tesi di Francesca Marangoni

Anteprima della tesi: La poetica del confine.Tre poesie tradotte di Robert Frost, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesca Marangoni Contatta »

Composta da 211 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14798 click dal 28/02/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.