Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Modelli di Assegnazione del Rating in presenza di Gruppi di Imprese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 BASEL 2: THE FIRST PILLAR 1.1. Il Primo Pilastro: la regolamentazione sull’adeguatezza del capitale Nel 1988 presso la sede della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) venne siglato l’Accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali, noto comunemente con il nome di Basilea 1. L’Accordo fu elaborato dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria sotto gli auspici dei Governatori delle banche centrali dei paesi del Gruppo dei Dieci 1 , che avevano creato questo organismo nel 1974. Tale convenzione venne formalizzata con l’obiettivo di migliorare la stabilità del sistema finanziario internazionale mediante disposizioni di validità globale principalmente incentrate sull’adeguatezza patrimoniale (ovvero la dotazione di fondi propri da parte delle banche). Il documento prodotto (“International convergence of capital measurement and capital standards”, luglio 1988) rappresentava inoltre la massima espressione della volontà del Comitato di passare da una logica di vigilanza strutturale “che definisce analiticamente gli spazi di libertà delle scelte aziendali su numerosi aspetti che influenzano la struttura competitiva del sistema di intermediazione finanziaria 2 ”, a politiche di vigilanza prudenziale “che, al contrario, lascia liberi gli intermediari di articolare le proprie scelte strategiche e operative nel rispetto di alcuni vincoli di fondo 3 ”. L’ottica del Comitato era di raggiungere nell’intero sistema bancario un grado di patrimonializzazione tale da poter ridimensionare in misura decisiva il rischio di insolvenza e ridurre a un livello sostenibile i costi per investitori e contribuenti, nell’eventualità di un’insolvenza “nonostante tutto”. 1 Il cosiddetto “Gruppo dei Dieci” include Belgio, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Lussemburgo, Olanda, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. 2 DE LAURENTIS G. (2001), “Rating Interni e Credit Risk Management”, pag. 54. 3 Idem.

Anteprima della Tesi di Alberto Tomasini

Anteprima della tesi: I Modelli di Assegnazione del Rating in presenza di Gruppi di Imprese, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Tomasini Contatta »

Composta da 205 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2270 click dal 04/03/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.