Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Project finance nei paesi in via di sviluppo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione XIV Si sottolinea, poi, che nella valutazione della onerosità complessiva di un’operazione di project leasing, l’aspetto fiscale deve essere opportunamente governato dai soggetti che compongono la coalizione di interessi a sostegno del progetto in modo tale da individuare nuove opportunità per la creazione di valore e per determinare la convenienza del ricorso all’operazione sia per gli sponsors che per i finanziatori. La leva fiscale deve quindi essere utilizzata secondo due diverse direzioni: all’interno del singolo mercato-paese e a livello internazionale. Nel primo caso, all’interno del singolo mercato-paese, la legislazione determina gli spazi sfruttabili di convenienza naturale del leasing rispetto ad altre forme di finanziamento sia fra beni locati. Nel secondo caso, le differenze presenti fra le normative fiscali di ciascun paese sono così forti da stimolare negli operatori che partecipano al project leasing sia lo sviluppo di strategie di localizzazione internazionale delle attività nei mercati con le disposizioni di legge più vantaggiose sia la costruzione di strutture contrattuali che sfruttino le asimmetrie fiscali presenti fra un mercato e l’altro per massimizzare il valore prodotto dall’operazione. Si cerca, così, di dare un quadro della vigente normativa interessante la locazione finanziaria, dal quale emerge la mancanza di una effettiva e pressante esigenza di pervenire ad una disciplina legislativa organica e completa dell’operazione di leasing. Tuttavia, proprio la capacità di poter sfruttare vantaggiosamente le differenze di trattamento a cui l’operazione di leasing può essere soggetta nelle normative fiscali di paesi diversi consente agli operatori internazionali di accrescere il rendimento delle operazioni. A livello internazionale, il grado di sofisticazione di alcune operazioni, dovuto alla complessità degli scambi di flussi finanziari e alla pluralità dei mercati in questi coinvolti, mostra come esista una serie di motivazioni che spingono gli operatori ad utilizzare tipologie di prodotti in grado di far leva su più fattori di convenienza. Emerge a questo punto come gli aspetti fiscali, finanziari, legali e contabili siano tra i più utilizzati nella ricerca di nuovi vantaggi economici che favoriscano l’impiego delle operazioni di leasing internazionale (tra i quali ricordiamo il pickle leasing, il syntetic leasing e il double-dip leasing).

Anteprima della Tesi di Francesca Bonardi

Anteprima della tesi: Il Project finance nei paesi in via di sviluppo, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Bonardi Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3074 click dal 08/03/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.