Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L' interazione in irc

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

esempio, anche se lo si può vedere come un caposcuola) pur utilizzando, per primi, alcuni concetti diventati propri dei teorici della modernità riflessiva (e quindi dei teorici che, seguendo Giddens, rifiutano l’idea di una morte della modernità, pur allontanandosi dai sostenitori della modernizzazione semplice), concetti come quello di rischio, incertezza, di riflessività, di emancipazione dalla tradizione, si concentrano sul primo asse di quel che Giddens chiama distanziazione spazio-temporale, non vedendo una linea di continuità tra i fenomeni propri della modernità classica e quelli della contemporaneità, i meccanismi sistemici che portano a tali particolarismi. Per chiarire con un esempio. Nella visione di Appiah, il pan africanismo è nato dalla rielaborazione da parte dei neri d’america di uno stereotipo bianco, e cioè il vedere tutti i neri d’Africa come formanti un’unica razza, tale visione errata è diventata un’istanza di emancipazione grazie alla capacità dei neri americani di costruire una “ via di mezzo negoziabile “ tra idee endogene “tradizionali” e idee occidentali, compiendo ciò che egli chiama una , ma tale decolonizzazione è possibile solo sfruttando i concetti “coloniali” che hanno permesso una qualche forma di identificazione. Oltre che le notoriamente occidentali idee di nazionalismo, questione etnica e via dicendo, nelle parole dell’autore “ poche cose sono meno native del nativismo nella sua forma corrente”; tuttavia questo non ha impedito a milioni di “africans” di creare simboli originali e di elaborare strategie per la loro riproduzione. Il postmodernismo interpreta simili fenomeni come il segno della decadenza dell’idea di imperialismo culturale dell’occidente e come la conferma che nel particolare i processi globali sono sfruttati più che subiti dagli attori; ma oltre alla distanza tra luogo di elaborazione del discorso identitario a luogo, per così dire, depositario di tale discorso, c’è anche un’innegabile distanza tra simili rielaborazioni nella società contemporanea e in quella di 50 o 100 anni fa: è soltanto attraverso l’accresciuta riflessività che è oggi possibile discutere sull’esistenza o meno di una tendenza all’attenuazione dell’imperialismo culturale occidentale. 1.2.1 L’ identità postmoderna Che cosa provoca la glocalizzazione nella realtà quotidiana? Se sparisce la fiducia nella comunità, come si costruisce l’identità dell’individuo postmoderno? Come si concilia la libertà di scelta con il bisogno di sicurezza? Dai classici della sociologia, ma anche della psicologia, abbiamo appreso a guardare a ciò che è chiamata personalità come ad una costruzione che di realmente personale ha ben poco, da Freud a Durkeim il sociale viene comunemente accettato come il principale referente cui imputare la differenziazione delle varie personalità osservabili; l’originario flusso della nostra coscienza, distaccato da qualsiasi dovere\influenza sociale, è nel sogno.

Anteprima della Tesi di Marco Ferrieri

Anteprima della tesi: L' interazione in irc, Pagina 10

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Marco Ferrieri Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1751 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.