Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L' interazione in irc

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

interazione in RL è dannoso allo scopo di costruire un’ etnografia che cerchi di svelare simboli, strategie, rituali ( non si vuol togliere valore a queste teorie nel loro campo di applicazione più diretto, se non altro perché tale operazione non mi compete) così come sono definiti dagli attori direttamente coinvolti, e ciò in quanto : “la sostanza della reciproca comprensione è qualcosa di inesprimibile, indefinibile e incomprensibile” (Bauman 2001); è significativo che nessuna delle prospettive sopra elencate ha mai negato che esista una reciproca comprensione tra soggetti coinvolti in una cmc e il fatto che tale comprensione sia stata in grado di creare delle leggi di comportamento (la nettiquette), degli stili di comunicazione ( come testimonia il fatto che in una chat esistano canali “moderati” e canali “hard” non soltanto in riferimento alla libertà con cui vengono espressi i desideri sessuali), un’ organizzazione per la repressione dei devianti (gli irccops, i moderatori dei newsgroup, e figure equivalenti nei mud , bbs , ecc..) , una gerarchia tra utenti ( vi sono enormi differenze tra nuovi ed esperti, ma anche tra “ospiti” esperti in un’ altra chat e “nativi”, e gli esempi potrebbero continuare), processi di socializzazione, ecc porta inevitabilmente degli stimoli alla curiosità etnografica. Seguendo queste considerazioni si fa ora pressante la necessità di osservare ciò che studi etnografici sulla cmc ( come si vedrà la concezione di etnografia qui adottata è larga e non limitata allo studio del punto di vista del nativo, riconoscendo che l’ immaginazione dell’ etnografo inevitabilmente colora un dipinto che è realista solo sui manuali, seguendo il metodo dell’ etnografia critica come definita da Shaun Moores ( S. Moores 1993 in particolare pagg. 11-14) 5 ) hanno finora portato alla luce. 1.2 Il postmodernismo e l’identità Un esame di tutte le ricerche etnografiche che si sono fatte fino a questo momento nel campo della cmc è un compito arduo e che esula dagli obiettivi di questa tesi, ho preferito concentrarmi sul filone di ricerca che ha raccolto più consensi tra i nuovi studiosi degli spazi virtuali e che ha evitato fini commerciali, mantenendo sempre l’immaginazione sociologica rivolta verso la scoperta dell’“alchimia della relazione”, evitando di subordinarla ad un miglioramento d’efficienza di aziende di varia natura. Prima di esaminare le teorie postmoderne elaborate nell’ambito specifico della cmc è doveroso trattare, almeno per sommi capi, la teoria postmodernista nella sua generale visione della società e della natura umana. Passando ad esaminare la caratteristiche della posizione postmodernista, si deve innanzi tutto dire che essa fa nascere i processi che caratterizzano la condizione postmoderna nella fase matura del

Anteprima della Tesi di Marco Ferrieri

Anteprima della tesi: L' interazione in irc, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Marco Ferrieri Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1751 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.