Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'intervento della Forza Multinazionale in Libano nel 1982

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 permeabilità alle influenze esterne. Il conflitto così alimentato può assumere forme e direzioni variabili nel tempo, mentre la struttura sociale tende a rimanere stabile, pur essendo costantemente soggetta ad un potenziale ed eventuale indebolimento proprio in virtù del “principio del rafforzamento reciproco” che sottostà alla relazione struttura sociale- conflitto 12 . Le ostilità raggiungeranno il culmine nella guerra civile del 1975, quando saranno messe in discussione la politica pubblica e l’ingegneria sociale ovvero il nucleo duro dell’ormai Repubblica Libanese. 1.2 Struttura sociale e conflitto endemico: un approccio teorico Per comprendere appieno l’impasse che ha letteralmente travolto il Libano a partire dal 1975 è innanzitutto importante capire come varia l’equilibrio di potere tra le comunità così come la generale distribuzione di potere nell’ambito della società. In questo senso si rende necessario l’uso di concetti propri della Teoria dei Conflitti, in particolare il concetto di authority, definito da Ralf Dahrendorf, e quello di asabiya, precisato da Ibn Khaldun. Quando il conflitto è strutturato in termini di “lotta di potere” (politico-economica), sono le specifiche posizioni di autorità a creare disarmonia e quindi tensione nella società: l’equilibrio di potere che fino ad un certo momento assicura delle relazioni pacifiche tra i gruppi, trasforma questi ultimi in entità conflittuali nel momento in cui eventi di natura socio- economica portano ad un nuovo disequilibrio tra le comunità private del potere e quelle in possesso di autorità; è evidente che in questa relazione di dominazione-sottomissione, i gruppi su cui la “solidarietà” verso l’autorità centrale può essere imposta tramite coercizione 13 , percepiscono la distribuzione di potere prevalente come inadeguata alla nuova situazione 14 . Interessi ed esigenze non soddisfatti stimolano tra i membri di una stessa comunità un sentimento crescente di coesione, una vera e propria 12 Latif Abul-Husn, op.cit., pag. 2 13 Ogni società regolata da gerarchie di potere possiede specifiche misure di restrizione e controllo, a favore del rispetto per l’autorità. 14 Latif Abul-Husn, op.cit., pp. 9-11

Anteprima della Tesi di Monia Martini

Anteprima della tesi: L'intervento della Forza Multinazionale in Libano nel 1982, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Monia Martini Contatta »

Composta da 307 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3136 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.