L'intervento della Forza Multinazionale in Libano nel 1982

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 personale 3 . Punto di riferimento della comunità è il leader religioso (mufti, patriarca…), responsabile di rappresentare gli interessi della “setta” in generale così come di assicurare un comportamento conforme alla legge da parte della stessa. Ne consegue facilmente che la fedeltà verso la propria religione e quindi verso la propria comunità, ha rappresentato da sempre per il cittadino una fonte di identità, la cui percezione è rafforzata in senso visibilmente religioso 4 . Ma l’appartenenza religiosa non rappresenta l’unico legame di fedeltà tipico della vita nella Montagna; rilevante per comprendere gli sviluppi storici del paese è infatti anche l’identificazione familiare, il legame dettato dalla nascita che domina tuttora la sfera sociale, politica ed economica della vita quotidiana, al di sopra di ogni considerazione sullo status sociale, educativo o di benessere all’esterno della famiglia, e che è la garanzia prima della sicurezza di un individuo 5 . La tendenza di più famiglie ad unirsi volontariamente in raggruppamenti più estesi si basava sulla fedeltà riposta nella comunità di villaggio o nel signore locale 6 . Nella sua astrazione dal resto delle province ottomane, il Monte Libano trovava il proprio modus vivendi nel riconoscimento di un unico leader, al di sopra di tutti i lords, che attraverso il proprio sistema locale di controllo feudale diveniva il Principe della Montagna. Si pongono così le basi del sistema di convivenza inter-settaria tipicamente libanese 7 . Tuttavia, non bisogna dimenticare che gli interessi e l’onore della famiglia sono predominanti e per questo sono da sempre fonte di tensione, soprattutto a livello politico, tra famiglie rivali in generale e tra le personalità rappresentanti la famiglia in particolare. Una volta sancito il 3 Latif Abul-Husn, The Lebanese Conflict, Looking Inward, Boulder, Colorado, Lynne Rienner Publishers, Inc., 1998, pag. 29 4 David McDowall, Lebanon: a conflict of minorities, London, The Minority Rights Group, 1996, pag. 7 5 Ibidem 6 Si tratta del cosiddetto lordship system in cui la “lordship” di ogni famiglia estesa veniva generalmente tramandata di padre in figlio all’interno di una singola famiglia. 7 Il desiderio di indipendenza dall’interferenza sia dei vicini che del governo centrale turco trova ulteriore soddisfazione nel 1842, con l’introduzione da parte di quest’ultimo della cosiddetta double district presidency, sulla base della quale il Monte Libano veniva diviso in due distretti, rispettivamente a nord (qa’immaqam o presidente cristiano) ed a sud (qa’immaqam druso) della autostrada Beirut-Damasco.

Anteprima della Tesi di Monia Martini

Anteprima della tesi: L'intervento della Forza Multinazionale in Libano nel 1982, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Monia Martini Contatta »

Composta da 307 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3136 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.