Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La liberalizzazione del settore delle utilities. Opportunità o nuova minaccia per la Regione Campania?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

pubblica, nelle capacità gestionali della pubblica amministrazione. Questa crisi aveva spinto verso l’introduzione di nuove modalità di gestione dei servizi pubblici, che fossero in grado, inoltre, di attrarre competenze manageriali e di orientare ad un approccio più aziendale 11 . Nell’ultimo decennio, infine, in relazione anche alle crescenti pressioni a livello comunitario per la liberalizzazione e la privatizzazione del settore dei servizi pubblici, le formule istituzionali disponibili per la gestione si sono ridotte alla sola società per azioni (anche se, più correttamente, si dovrebbe far riferimento alla società di capitali, sia essa società per azioni a maggioranza pubblica, società per azioni a maggioranza privata o società a responsabilità limitata). Anche il ruolo degli Enti locali tende ad evolversi: si sta passando da produttori diretti a regolatori dell’attività di soggetti terzi. Importanti innovazioni, relative alle modalità di gestione dei servizi pubblici locali, sono state introdotte dall’art. 35 della Legge Finanziaria 2002 (Legge 448/2001). Tale norma ha, infatti, distinto i servizi pubblici di rilevanza industriale da quelli privi di rilevanza industriale, proprio al fine di prevedere diverse modalità di erogazione dei servizi in questione. Ma la stessa Finanziaria 2004 all’art. 14, di cui si parlerà nei prossimi paragrafi, ha sostanzialmente rimesso mano alla questione dei servizi pubblici locali Riassumendo, quindi, molteplici sono i fattori che hanno impattato negli ultimi dieci anni sulle public utilities, che hanno modificato radicalmente la struttura del settore e i percorsi evolutivi delle imprese che vi operano: 9 le pressioni comunitarie all’apertura dei mercati alla concorrenza e al superamento dei monopoli naturali; 9 politiche tariffarie sempre più legate a logiche competitive; 9 l’evoluzione delle tecnologie; 11 GARLATTI A., L’impresa pubblica e il controllo del gruppo locale, Egea, Milano, 1994, pp. 25-30. 10

Anteprima della Tesi di Alfonso Ardolino

Anteprima della tesi: La liberalizzazione del settore delle utilities. Opportunità o nuova minaccia per la Regione Campania?, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alfonso Ardolino Contatta »

Composta da 216 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5435 click dal 07/04/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.