La liberalizzazione del settore delle utilities. Opportunità o nuova minaccia per la Regione Campania?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Non è scontato, però, riuscire a cogliere le complessità gestionali e industriali che sono a monte dell’erogazione di questi servizi, considerati da molti cittadini, purtroppo, solo un diritto. E’ difficile capire che a fronte dei notevoli progressi nel settore ci vogliano, in ogni caso, dei “piccoli sacrifici” da parte di ogni cittadino, al fine di garantire uno sviluppo sostenibile che possa assicurare a noi e alle generazioni future un tenore di vita più alto. Questo, però, non avviene, e la classe politica, rispettosa, a volte fin troppo, delle richieste e delle esigenze dei propri elettori ignari delle reali problematicità legate ai servizi pubblici locali, rischia di prendere delle decisioni in parte scorrette e non sempre a reale vantaggio degli stessi cittadini. 1.1 La rilevanza strategica e la transizione delle public utilities nell’ultimo decennio Nel bene e nel male le public utilities hanno contribuito a scandire e a segnare la vita degli italiani negli ultimi decenni. Il nuovo ambiente internazionale, con un più ampio processo di globalizzazione dei mercati, ha indotto trasformazioni radicali degli assetti proprietari e delle modalità di offerta dei servizi di pubblica utilità. Il settore delle public utilities, infatti, sta vivendo un periodo di particolare vivacità, e si è molto parlato di liberalizzazione e privatizzazione dei mercati dei servizi. L’ex monopolista Enel, ad esempio, ha dovuto cedere parte della propria capacità di generazione attraverso la vendita di tre Gen.co. Alcune società, invece, hanno preferito la quotazione in Borsa (come AEM Milano, Asm Brescia, o Acegas Trieste). Altre società ancora, in particolar modo in tempi molto più recenti, hanno perseguito delle strategie di alleanze ed aggregazioni (tra le più attive Hera in Emilia Romagna), al fine di porre rimedio all’eccessiva frammentazione che ha sempre caratterizzato il settore. “La costruzione di un nuovo assetto dei mercati delle utilities in Italia si presenta oggi, dopo una stagione (gli anni novanta e soprattutto durante gli 2

Anteprima della Tesi di Alfonso Ardolino

Anteprima della tesi: La liberalizzazione del settore delle utilities. Opportunità o nuova minaccia per la Regione Campania?, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alfonso Ardolino Contatta »

Composta da 216 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5437 click dal 07/04/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.