Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La liberalizzazione del settore delle utilities. Opportunità o nuova minaccia per la Regione Campania?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il processo di liberalizzazione delle public utilities anni finali del decennio) segnata da importanti riforme, come un grande cantiere di lavori in corso. Alcuni decisivi pilastri sono stati eretti, ma l’intero processo va completato, al fine di definire chiaramente la direzione di marcia e di evitare il rischio di arrivare ad un mercato concorrenziale regolato in modo poco coerente 1 ”. Anche l’analisi dei prezzi delle operazioni di acquisizione, a livello settoriale, conferma la rilevanza di tale processo di cambiamento. Dal livello dei “moltiplicatori dei prezzi”, attraverso i quali si può arrivare a stimare il valore di un’impresa oggetto di acquisizione, infatti, si possono ricavare informazioni sui settori che hanno destato particolare interesse. A dimostrazione di ciò, le operazioni che hanno riguardato i comparti dell’energia, del gas e dell’acqua, negli ultimi anni, hanno registrato valori superiori rispetto a quelli medi 2 . Si tenga presente, inoltre, che la configurazione delle reti di trasporti, di quelle della distribuzione di energia o dell’acqua costituirà, nell’immediato futuro, un elemento essenziale ai fini della determinazione della nostra capacià competitiva. Nella classifica del Global competitiveness Report del World Economic Forum, per il 2003-2004 l’Italia si è attestata al 41 o posto mondiale (33 o nel 2002) nell’indice che misura il potenziale di crescita dei prossimi 5-8 anni. Rimane stabile invece (al 24 o posto) nell’indice che rileva la performance produttiva. L’inefficienza della burocrazia e l’inadeguatezza delle infrastrutture, coniugate a un mercato del lavoro ancora troppo rigido, sono i fattori critici della competitività del nostro Paese 3 . E “l’Italia arretra in tutte le variabili di cui si compone l’indice della competitività 4 ”. Bisogna quindi 1 DE VINCENTI C., Non solo energia e telecomunicazioni: i problemi della transizione avviata nella regolazione delle altre utilities, Università di Roma “La Sapienza”, Dipartimento di Economia Pubblica, Roma, 2002 2 CONCA V., Le acquisizioni, Egea, Milano, 2001, pp.127-132. 3 BENECCHI L., Competitività, Italia al 41 o posto, in “Il Sole-24 Ore”, 30 Ottobre 2003, p. 13. 4 DEMATTE’ C. in BENECCHI L., Competitività, Italia al 41 o posto, in “Il Sole-24 Ore”, 30 Ottobre 2003, p. 13. 3

Anteprima della Tesi di Alfonso Ardolino

Anteprima della tesi: La liberalizzazione del settore delle utilities. Opportunità o nuova minaccia per la Regione Campania?, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alfonso Ardolino Contatta »

Composta da 216 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5435 click dal 07/04/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.