Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Ma dove stanno i riti, professoressa?''. Interazione ed eventi esplicativi in contesti scolastici.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 1.3 L’evento esplicativo in classe Prendiamo, a questo punto, in esame la spiegazione all’interno del contesto scolastico che in questa sede è quello che più ci interessa. Il testo esplicativo occupa uno spazio rilevante nel discorso dell’insegnante che interessa in media il 70 % del tempo (Pontecorvo, Ajello & Zucchermaglio 1997: 63). Il fatto che esso costituisca il genere testuale per eccellenza in questa istituzione formale, dipende dal concetto stesso di scuola, un contesto naturale nel quale ci si trova proprio per apprendere qualcosa di nuovo da qualcuno che ne sa di più (l’insegnante). Molte ricerche (Sinclair & Coulthard 1975; Berruto, Finelli & Miletto 1983; Orletti 2000) hanno, in effetti, rivelato, che il rapporto insegnante-alunno è per lo più unidirezionale, tranne che nei momenti in cui l’intervento dello studente è permesso dall’insegnante stesso. E’, comunque, sempre asimmetrico poiché è quest’ultimo il “regista” (Orletti 2000), il “capo” o “direttore” che guida gli interlocutori, ossia gli alunni, che sono nella maggior parte dei casi “passivi” (Berruto, Finelli & Miletto 1983: 178). Inoltre, come affermano Sinclair & Coulthard (1975: 37): “All’interno della classe l’insegnante ha il diritto di parlare quando vuole, e i bambini contribuiscono al discorso quando egli lo permette loro”. 8 Sebbene il discorso esplicativo sia il genere predominante in ambito scolastico, paradossalmente, sono stati condotti ancora pochi studi su quest’argomento (Tsui, 1995: 30), poiché come spiega Barbieri (1989: 11), vi sono due tipi di problemi: anzitutto, la difficoltà di riconoscere e circoscrivere questo particolare oggetto di studio, dato che esso si presenta in svariate forme e contenuti. In secondo luogo, per decenni, i filosofi e gli epistemologi si sono occupati della sola spiegazione scientifica, mettendo da parte e addirittura considerando come non vere e proprie spiegazioni, quelle che avvengono nel parlato quotidiano, e quindi, anche a scuola. 8 “Within the classroom the teacher has the right to speak whenever he wants to, and children contribute to the discourse when he allows them to” (Sinclair & Coulthard 1975: 37).

Anteprima della Tesi di Paola Manganaro

Anteprima della tesi: ''Ma dove stanno i riti, professoressa?''. Interazione ed eventi esplicativi in contesti scolastici., Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Paola Manganaro Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1589 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.