Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le concentrazioni nel settore ICT: una analisi dei prezzi pagati da Tiscali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Sulla base di tale teoria è possibile sostenere la validità delle operazioni di acquisizione allorquando sia possibile estrarre, attraverso l’unione delle imprese interessate, un valore superiore alla semplice somma dei valori stand alone. Il capitolo prosegue, inoltre, effettuando una possibile elencazione delle sinergie attese da un’acquisizione mettendo in evidenza “sinergie di carattere generale” ossia riferibili a un numero elevato di potenziali acquirenti, “sinergie di carattere endemico” ossia benefici che si basano sulla presenza di affinità sul piano tecnologico o dei modelli di business di regola osservabili presso la generalità delle imprese appartenenti al medesimo settore o alla medesima area di affari e “sinergie di carattere specifico” riferibili a integrazioni di carattere peculiare o a vantaggi non percepiti da altre imprese. Proseguendo l’analisi delle variabili rilevanti in tale contesto, l’attenzione si sposta sulla determinazione del valore di acquisizione nel caso in cui esse non siano effettuate sulla totalità del capitale dell’impresa target. Il problema risiede nel fatto che, qualora l’oggetto dell’acquisizione non sia rappresentato dall’intero capitale di un’azienda ma soltanto da una sua parte comunque sufficiente a garantirne l’esercizio del controllo o un’influenza significativa sulle scelte di gestione, il valore ad esso attribuito non è necessariamente uguale ad una frazione del valore di acquisizione pari alla frazione del capitale oggetto di scambio (Partecipazioni di controllo). L’interesse sul tema nasce dal fatto che, in genere, si ritiene che a tali partecipazioni vada riconosciuto un valore più che proporzionale rispetto alla quota di capitale che esse rappresentano. Si tratta dunque di quantificare la dimensione del premio di maggioranza da pagare, per poi arrivare a stimare il valore del pacchetto di controllo. A differenza di quanto frequentemente accade nella prassi, tale premio non dovrebbe essere semplicemente quantificato in una percentuale fissa, ma

Anteprima della Tesi di Stefano Marsilii

Anteprima della tesi: Le concentrazioni nel settore ICT: una analisi dei prezzi pagati da Tiscali, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Marsilii Contatta »

Composta da 303 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2015 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.