Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli investimenti stranieri nel Nord Africa in orospettiva storica: il caso della Tunisia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 classe dirigente, non potendo più contare sui profitti del commercio e altri profitti accessori come la corsa ed i tributi accaparrati agli Europei, si dettero allo sfruttamento sistematico dei propri amministrati e in breve tempo il paese, da esportatore di cereali, ne divenne importatore, la popolazione cominciò a vivere periodicamente epidemie disastrose, il numero di abitanti diminuì, la bilancia dei pagamenti diventò deficitaria. Nel corso del XVIII secolo fino al 1814 i meriti della relativa stabilità politica ed economica sembra siano da attribuire alle personalità di Bey Ali prima e di suo figlio Hamouda Pascià in seguito (morto appunto nel 1814) sempre attivi nelle riforme in campo monetario e fiscale. Anche se i contemporanei avranno certamente esagerato nel dipingere un quadro euforico della situazione, sembra sia il caso di poter affermare che le strutture dell’economia tunisina, basata essenzialmente sull’agricoltura, erano quelle di un paese in equilibrio 6 con una bilancia dei pagamenti in attivo e una congiuntura internazionale favorevole che le garantivano l’indipendenza dalle forze straniere. Le popolazioni sedentarie invece vivevano coltivando le terre, perfino i cittadini si accaparravano le terre intorno alle città, ad esempio “mentre il negoziante di Sfax esercitava il proprio commercio in città, il resto della sua famiglia coltivava l’orto fuori città” 7 . Come tutte le società pre-industriali, l’attività agricola nella Tunisia pre-coloniale era il barometro degli affari anche se non era stata minimamente sfiorata dalle innovazioni dell’agricoltura europea, l’innesto degli alberi non veniva praticato, nessuna scuola impartiva l’insegnamento agricolo, veniva usato l’aratro indigeno ancora molto primitivo e così i rendimenti risultanti erano molto bassi. 6 Kraiem M. Op. cit. 7 Kraiem M. Op. cit.

Anteprima della Tesi di Alessio Loreti

Anteprima della tesi: Gli investimenti stranieri nel Nord Africa in orospettiva storica: il caso della Tunisia, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessio Loreti Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2420 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.