Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli investimenti stranieri nel Nord Africa in orospettiva storica: il caso della Tunisia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 chiunque conosca un minimo il profilo storico della Tunisia noterà che la situazione del paese in questi ultimi anni è assai paragonabile a quella degli anni precedenti l’instaurazione del Protettorato e la storia sembra presentare delle ciclicità. Ad esempio il regime politico promuove molto il cosiddetto “partenariato” euro-mediterraneo che risulterebbe molto vantaggioso economicamente e socialmente per i tunisini. In realtà la tendenza alla dipendenza economica dai paesi Europei dell’epoca precoloniale non è poi così cambiata da un secolo all’altro pur escludendo l’esperienza coloniale; forse il paese non è indebitato fin sull’orlo della bancarotta come lo era invece dopo la metà del XIX secolo, tuttavia ha firmato un trattato con l’UE per una zona di libero scambio che almeno agli inizi sarà decisamente sfavorevole per l’industria locale. Durante l’epoca del protettorato (1881-1956) l’economia tunisina presenta le caratteristiche di un’economia coloniale alla francese. Vengono effettuati molti investimenti sotto la diretta regia della potenza protettrice e con la partecipazione dell’enclave di europei residenti nel paese, ma da questi vengono esclusi i tunisini. Dall’esperienza del colonialismo la Tunisia ha ereditato le infrastrutture economiche, il sistema d’insegnamento, il sistema giudiziario e la lingua usata negli affari (basti pensare che oggi la Tunisia fa parte dell’area della francofonia). Nel secondo capitolo parleremo delle relazioni economiche tra paesi del Nord Africa e Unione Europea e del processo d’integrazione tra i paesi del Maghreb, prendendo in esame il loro tentativo di creare un’unione su imitazione della Comunità Economica Europea. Le relazioni tra UE e Maghreb sono ancora molto ricalcate sui vecchi rapporti che i paesi nordafricani avevano già durante il periodo del colonialismo. Dopo l’esperienza coloniale infatti, le economie dei paesi del Nord Africa, si

Anteprima della Tesi di Alessio Loreti

Anteprima della tesi: Gli investimenti stranieri nel Nord Africa in orospettiva storica: il caso della Tunisia, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessio Loreti Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2420 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.