Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli investimenti stranieri nel Nord Africa in orospettiva storica: il caso della Tunisia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 indeboliti dalla crisi delle città, dell’economia monetaria e dal trionfo delle forze centrifughe (tribù arabe, comunità berbere, città autonomiste, autorità religiose …). Per il Maghreb, dalla Tripolitania fino ai confini orano- marocchini, la salvezza venne dall’esterno: i Turchi presero piede in nord Africa, cacciarono gli Spagnoli e organizzarono le loro conquiste. In Marocco invece i “combattenti della fede”, detti “sherif”, si imposero con la forza delle armi per far fronte alla minaccia cristiana e divennero i capi carismatici del Marocco “moderno”. Nelle nuove province ottomane del Maghreb e in Marocco venne messa in piedi un’organizzazione politica, amministrativa e militare basata su eserciti armati allogeni che imponevano l’ordine agli elementi eterogenei delle società locali e che divennero presto membri della classe dirigente. I nuovi stati traevano le risorse dallo sfruttamento delle popolazioni locali e da redditi esterni quali la corsa (soprattutto ad Algeri), il commercio marittimo (Tunisi) e il traffico transahariano (Marocco e Tripoli). Mentre le popolazioni rurali dell’interno vedevano peggiorare le proprie condizioni di vita, i notabili autonomi – proprietari terrieri, commercianti ed altri cittadini sedentari - consolidavano la loro ricchezza e la loro posizione sociale e appoggiavano i poteri stabiliti anche se questi avevano un carattere allogeno marcato. Ma è proprio dall’alleanza tra lo stato e i quadri autoctoni che dipendeva l’evoluzione dei regimi: questi si integravano relativamente bene alla società dei notabili a Tunisi, in Marocco e a Tripoli nel XVIII secolo. Ad Algeri invece i dirigenti restavano separati, marginali e anche da questo fenomeno - potremmo pensare - scaturì la debolezza del regime e il suo crollo di fronte all’invasione coloniale 1 . 1 Fonte: L’histoire de l’Afrique du Nord jusqu’à l’indépendance du Maroc, de l’Algérie et de la Tunisie de Mohamed Cherif, in Introduction à l’Afrique du Nord Contemporaine, Centre de recherches et d’études sur les sociétés méditerranéennes, Aix-en-Provence, 1974.

Anteprima della Tesi di Alessio Loreti

Anteprima della tesi: Gli investimenti stranieri nel Nord Africa in orospettiva storica: il caso della Tunisia, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessio Loreti Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2420 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.