Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli investimenti stranieri nel Nord Africa in orospettiva storica: il caso della Tunisia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 In Nord Africa come nelle maggior parte dei paesi extraeuropei, i fatti importanti della storia nel corso del XIX e XX secolo sono costituiti dai rapporti di questi paesi con le potenze industriali europee la cui superiorità determinò la rottura di un equilibrio plurisecolare e l’imposizione del loro dominio diretto in tutti i paesi non industrializzati. Trionfo coloniale in un primo momento ma anche gravi equilibri e contraddizioni che sono all’origine delle reazioni delle società colonizzate e dei movimenti nazionali che portarono i rispettivi paesi verso l’emancipazione politica. Quello che fu il trionfo delle imprese e delle numerose colonie europee rappresentò per la maggior parte dei Maghrebini la “notte coloniale”: occupazione militare, sottomissione politica, impatto dell’economia e della tecnologia europee, trionfo dei valori della civiltà occidentale. Dal punto di vista politico e amministrativo un po’ ovunque il potere decisionale fu trasferito alle autorità coloniali che ebbero un rispetto solo formale delle istituzioni locali anteriori (nel caso del protettorato in Marocco e Tunisia) o praticarono l’amministrazione diretta (nel caso di Libia e Algeria). Tuttavia anche nel caso di Tunisia e Marocco le autorità francesi tennero sotto controllo i settori considerati “protetti”quindi le finanze, i lavori pubblici, l’agricoltura, l’insegnamento e non ebbero scrupoli nel porre le risorse dei due paesi al servizio della colonizzazione. Nel sistema coloniale francese il Nord Africa ebbe un trattamento particolare, ivi furono investiti i capitali più importanti e fu attiva la colonia europea più numerosa. La tecnologia europea, quella più avanzata, si impone in Nord Africa declassando tutto ciò che era indigeno: il termine “arabo” designa sin da allora anche per i colonizzati tutto ciò che è arcaico, poco efficace o di poco conto. I risultati furono impressionanti anche dal punto di vista economico: un’infrastruttura di ferrovie, strade, centri urbani ecc. cambiarono il paesaggio e la vita nel paese, tutte le miniere furono sottoposte a sfruttamento e circa quattro

Anteprima della Tesi di Alessio Loreti

Anteprima della tesi: Gli investimenti stranieri nel Nord Africa in orospettiva storica: il caso della Tunisia, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessio Loreti Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2420 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.