Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riforme e conomiche e servizi sociali nel sudafrica post-apartheid: l'accesso all'acqua

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 gli ultimi, i poveri, concentrati nelle aree rurali e nelle townships, sono l’oggetto della nostra ricerca. Si calcola vi siano oggi ventidue milioni di poveri, il 56% della popolazione totale sudafricana e che la disoccupazione sia passata dal 33% nel 1996 al 41,8% nel 2002. 7 La disparità di reddito, esacerbata dal tasso di disoccupazione in continua crescita, è ulteriormente aumenta dal 1996 a oggi e particolarmente nelle aree urbane, secondo linee razziali in sostanziale continuità con il passato. 8 E’ innegabile che il governo democratico abbia grandi difficoltà ed una enorme quantità di lavoro arretrato dovute ai lasciti dell’apartheid. Ma sfortunatamente i problemi che molti cittadini incontrano oggi non sono semplicemente risultato di fattori storici, ma conseguenza delle politiche liberiste adottate dal governo sudafricano fin dal 1994 9 e divenute chiare nel 1996, anno che ha visto l’adozione di un nuovo programma economico, ribattezzato GEAR (Growth, Employement and Redistribution Strategy). 7 South Africa human development report 2003. The challenge of sustainable development: unlocking people’s creativity, UNDP, Oxford University Press, pp. XVI, XVII. 8 Il coefficiente Gini, strumento utilizzato per calcolare la disparità di reddito, è passato da 0,596 nel 1996 a 0,635 nel 2001( 0= “perfect income equality”; 1= “perfect income inequality”). La percentuale della popolazione considerata povera è così mutata: neri: 29% nel 1995, 33% nel 2000; bianchi: 2% nel 1995, 1% nel 2000: cfr. UNDP, South Africa Human development report, The challenge of sustainable development cit., p. XVI. 9 Si veda quanto scrive D. Brutus, professore di Studi Africani all’ Università di Pittsburgh, ex prigioniero politico a Robben Island, in D. A. McDonald, J. Pape, Cost recovery and the crisis of service delivery, HSRC, Cape Town, 2000, p. VIII.

Anteprima della Tesi di Antonio Senta

Anteprima della tesi: Riforme e conomiche e servizi sociali nel sudafrica post-apartheid: l'accesso all'acqua, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio Senta Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2498 click dal 22/04/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.