Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli di oligopolio con ricerca e sviluppo e effetti di spillover

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

è una retta orizzontale che corrisponde ad un valore costante e pari al prezzo (P), come si vede in figura 1a. Il CMa si suole rappresentarlo come una parabola convessa (Vedi per es. Rodano e Saltari, 1998), per indicare come le economia di scala agiscano fino ad un certo livello di produzione, dopodiché il CMa torna a salire. Se mettiamo il CMa sempre in ordinata, come il RMa, siamo in grado di vedere dove la retta e la parabola si incontrano e quindi la quantità (q c ) che l’impresa in concorrenza perfetta produce (Vedi sempre figura 1a). Fig. 1a Venendo invece al monopolio, la situazione cambia radicalmente. In questo caso tutto il mercato è servito da una sola impresa. Allora, la sua decisione su quanto produrre si traduce nel decidere quanto verrà prodotto complessivamente nell’intero mercato. L’unico vincolo per il monopolista è la curva di domanda del mercato, per cui se decide la quantità da produrre l’impresa monopolista sa già quale sarà il prezzo al quale il mercato sarà disposto ad assorbire la sua produzione. Il prezzo, allora, non è più indipendente dalle scelte dell’impresa come succede in concorrenza perfetta dove la quantità prodotta da una singola impresa, come abbiamo visto, è una quota minima della quantità complessivamente prodotta da tutte le imprese. Non essendo più un dato esogeno per l’impresa, il prezzo diventa dipendente dalla quantità prodotta (q m ) e lo stesso dicasi per il RMa che dipende dal prezzo che il mercato è disposto a pagare un’unità aggiuntiva di bene. Allora possiamo dire: )D(qP m Maggiore è la quantità di bene che l’impresa produce e minore sarà il prezzo che le permetterà di riuscire a vendere l’intera produzione, infatti, con un prezzo più basso, saranno di più i consumatori che acquisteranno il bene. Questo significa che la curva di domanda è decrescente (Fig. 1b), in particolare si è soliti considerarla una retta (vedi per es. Rodano e Saltari, 1998), per cui la sua espressione algebrica sarà: m bqaP da cui è possibile ricavare il ricavo totale (RT): 2 mmm bqaqPqRT 5

Anteprima della Tesi di Fabio Tramontana

Anteprima della tesi: Modelli di oligopolio con ricerca e sviluppo e effetti di spillover, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Tramontana Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3093 click dal 27/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.