Modelli di oligopolio con ricerca e sviluppo e effetti di spillover

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

il cui grafico è una parabola concava. Il RMa, essendo la misura di quanto aumenta il ricavo totale all’aumentare di un’unità di bene venduta, si calcola derivando il ricavo totale rispetto alla quantità, ottenendo: m 2bqaRMa Come si vede nella figura 1b il RMa è dunque una retta con la stessa intercetta e pendenza doppia rispetto alla curva di domanda. Quindi non è più una retta orizzontale, indipendente dalla quantità venduta dalla singola impresa, come in concorrenza perfetta. Questo risultato è logico visto che, come abbiamo già detto, in monopolio la quantità prodotta dalla singola impresa corrisponde alla quantità complessivamente prodotta nel mercato e quindi condiziona il prezzo di mercato e di conseguenza il ricavo marginale. Più l’impresa vuole vendere più il prezzo si abbassa e per vendere un’unità aggiuntiva di bene il prezzo dovrà sempre diminuire. Fig. 1b La figura 1b mostra come il punto in cui s’incontrano il RMa e il CMa per un monopolista corrisponde ad una quantità prodotta più piccola di quello che avviene in concorrenza perfetta (q m P c ), a vantaggio dell’impresa monopolista e a scapito dei consumatori. Abbiamo visto quindi la differenza tra le due forme di mercato e l’importanza dell’influenza che ha l’impresa sulla quantità complessivamente prodotta e sul prezzo di mercato. Abbiamo anche detto che queste forma di mercato sono più che altro ideali perché i mercati reali sono quasi sempre situazioni intermedie tra i due estremi appena visti. Molto spesso le imprese non sono così piccole o in grado di produrre così poco da non avere influenza a livello di produzione complessiva ma è altrettanto raro che un mercato sia servito da una sola impresa. Questa situazione intermedia va sotto il nome di oligopolio (Rodano e Saltari, 1998). La caratteristica fondamentale di questa forma di mercato è l’interdipendenza strategica tra le imprese. In monopolio non ci sono altre imprese al di fuori della monopolista; in concorrenza perfetta le singole imprese non si curano delle decisioni prese dalle altre, visto che non hanno rilevanza a livello globale. In oligopolio la situazione è decisamente diversa, poiché ogni 6

Anteprima della Tesi di Fabio Tramontana

Anteprima della tesi: Modelli di oligopolio con ricerca e sviluppo e effetti di spillover, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Tramontana Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3103 click dal 27/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.