Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sindrome del burnout nelle organizzazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 operatore e utente e tra dipendenti e superiori. Infine, la mancanza di controllo, da parte dell'operatore, sulle scelte che influiscono direttamente sul proprio lavoro, contribuisce ad aumentare il burnout. Per la Maslach il sovraccarico sembra essere l'elemento che in genere accomuna gli ambienti di lavoro più predisposti al burnout. Altri studiosi (Berkeley Planning Associates, 1977) hanno utilizzato il termine burnout come sinonimo di alienazione, il limite oltre il quale un operatore si separa o ritira dal significato originale o dallo scopo del suo lavoro; il grado in cui esprime estraniamento dai colleghi, o dall'organizzazione per cui lavora. Un altro psicologo, Cherniss (1980) definisce il burnout come un ritiro psicologico dal lavoro in risposta ad un eccessivo stress o insoddisfazione. Si usa il termine burnout per descrivere ciò che un tempo era una vocazione e oggi è solo un lavoro. Non si vive più per il lavoro ma si lavora unicamente per vivere. Indica, quindi, la perdita di entusiasmo, di interesse e di senso di responsabilità. Il burnout è un processo transazionale composto di tre fasi: • la prima fase implica uno squilibrio tra risorse disponibili e richiesta; • la seconda fase è l'immediata, emotiva risposta di breve durata a questo squilibrio, caratterizzata da sensazioni di ansietà, tensione, fatica ed esaurimento; • la terza fase consiste in una serie di cambiamenti nell'atteggiamento e nel comportamento. Il burnout può essere definito come un processo nel quale un professionista, precedentemente impegnato, si disimpegna dal proprio lavoro in risposta allo stress e alla tensione sperimentata sul lavoro. Psicologicamente rappresenta una risposta ad una situazione di lavoro intollerabile. I cambiamenti di atteggiamento e di comportamento, che sono associati al burnout, producono una fuga psicologica e, nel contempo, la rassicurazione che non si aggiungerà ulteriore stress alla tensione nervosa che è già stata provata (Cherniss, 1986, p. 7). II distacco psicologico aiuta a conservare le proprie energie per affrontare la situazione anche quando il rapporto utente-operatore non è la principale causa di stress.

Anteprima della Tesi di Mauro Puggina

Anteprima della tesi: La sindrome del burnout nelle organizzazioni, Pagina 10

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mauro Puggina Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15716 click dal 06/12/2005.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.