Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'autoefficacia percepita come moderatore dello stress occupazionale: il caso Hitachi - Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Tale “slancio” d’interesse ha portato, tuttavia, anche al proliferare, accanto alle pubblicazioni più rigorose, di innumerevoli studi dal carattere divulgativo che tendono ad assumere il termine stress in un’accezione troppo generica e onnicomprensiva col rischio di minare la qualità dell’impegno di approfondimento dedito a questo tema e il valore degli esiti possibili. Questo genere di letteratura, certamente recente, rende difficile riuscire a fare chiarezza in merito al vero significato del termine “stress”. La confusione deriva dall’uso distorto che ne viene fatto, volendo indicare con questo termine “qualsiasi segnale, sintomo, stato di disagio della relazione tra individuo e organizzazione, al di là di una più precisa concettualizzazione che tenga effettivamente conto di percorsi causali più o meno complessi”. 4 Per avere un quadro sufficientemente ampio e dettagliato delle innumerevoli sfumature di significato attribuite al costrutto di “stress” saranno mostrate, nello sviluppo di questo capitolo, le definizioni date dai pionieri della ricerca scientifica sull’argomento. Nel desiderio, tuttavia, di fornire immediatamente una definizione univoca del termine, libera dall’alone di significati impropri entrati nel senso comune, occorre chiarire innanzitutto che, da un punto di vista etimologico, il termine “stress” è passato dal significato iniziale di avversità, difficoltà, afflizione, a quello più recente di pressione, sollecitazione, tensione o sforzo, ed è frequentemente usato per indicare una “spinta a reagire” esercitata sull’organismo da diversi stimoli sia esterni all’individuo, sia interni (stressors). Ciò che portò il “padre dello stress”a formulare la sua definizione scientifica del termine, fu l’ipotesi, corroborata dai suoi studi, che esistesse, nei meccanismi biologici che presiedono alle risposte di adattamento di un organismo a fronte di un agente nocivo, un insieme di segni e di sintomi tra loro correlati e coerenti tale da far pensare all’esistenza di una sindrome generalizzata di risposte, denominata, successivamente, “sindrome generale di adattamento” (SGA) o, facendo riferimento alla metallurgia, “stress”. 4 G. P. Quaglino, Appunti sul comportamento organizzativo, Tirrenia Stampatori, Torino, 1992, p. 137.

Anteprima della Tesi di Francesca Girola

Anteprima della tesi: L'autoefficacia percepita come moderatore dello stress occupazionale: il caso Hitachi - Italia, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Francesca Girola Contatta »

Composta da 285 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4772 click dal 09/02/2006.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.