Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pubblicità commerciale e pubblicità sociale: due tecniche di comunicazione a confronto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 la condanna arrivava rapidamente e puntualmente. Infine, non era concesso fare pubblicità ai beni di lusso quali gioielli, pellicce e crociere 9 . Le aziende, quindi, dovevano sottostare a queste rigide condizioni, e non stupisce il fatto che con l’avvento delle reti commerciali, avvenuto dopo la storica sentenza della Corte Costituzione del 1976, venivano garantiti nelle nuove emittenti un numero assai maggiore di messaggi pubblicitari, non solo durante la mezz’ora di tempo nella quale era inserito il Carosello, ma anche in tutto il resto della giornata, con la possibilità di ospitare messaggi di soli 15/30 secondi. Il mercato pubblicitario premiò così la filosofia pubblicitaria delle rivali della Rai, causando così in tempi brevi un disinvestimento di fondi per il Carosello 10 . Oggi, in quella definita da Umberto Eco neotelevisione, 11 dove la pubblicità commerciale entra a pieno titolo nel palinsesto televisivo accanto ai programmi, ci sono addirittura forme promozionali di comunicazione pubblicitaria che durano anche solo 5 secondi. Lo scopo più importante di questi messaggi è quello di integrarsi perfettamente alle trasmissioni, facendo credere al telespettatore che facciano parte di esse, o meglio, che gli stessi messaggi siano parte della programmazione piuttosto che un fastidioso break. Anche altri mezzi di comunicazione, come Internet, hanno assunto questa filosofia dei contenuti. Nel caso della rete, infatti, gli spazi pubblicitari, i cosiddetti banner, stanno sempre sulle pagine web. Sono degli spazi all’interno delle pagine web che mutano di dimensione a seconda delle esigenze volute. La loro prima caratteristica deve essere la resa grafica con la quale sono realizzati, perché è assai importante che venga attirata l’attenzione dell’utente al fine di indurlo a cliccare il banner sopra per avere più informazione dei contenuti pubblicizzati. Il messaggio 9 Cfr. D. Pittèri, La pubblicità in Italia. Dal dopoguerra ad oggi, Editori Laterza, Roma, 2002, 68 10 Cfr D. Pitteri, op. cit., 123/125 11 Cfr. F. Brigida, P Baudi di Vesme e L. Francia, op, cit., 100

Anteprima della Tesi di Pietro Cassarà

Anteprima della tesi: Pubblicità commerciale e pubblicità sociale: due tecniche di comunicazione a confronto, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Pietro Cassarà Contatta »

Composta da 352 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16767 click dal 11/04/2006.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.