Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Emozioni al lavoro: uno studio nella ASL NA 5

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 “Il presupposto che le emozioni siano intrinsecamente irrazionali e che il pensiero non emotivo sia intrinsecamente razionale è una contrapposizione sbagliata” Oatley 1.2 Il superamento dell’antagonismo emozione-cognizione con le teorie cognitive E’ stato solo negli anni ’60 che gli esponenti delle teorie cognitive delle emozioni per pri- mi hanno posto le basi per un avvicinamento tra cognizione ed emozione. (Bellelli, 1995) Essi hanno cercato di collegare il comportamento emozionale, non solo a fattori puramente biologici, ma anche al giudizio e alla valutazione del contesto. Queste teorie, quindi, supe- rano la distinzione fra processi cognitivi ed emozionali e anzi ne mettono in risalto i legami funzionali. (Lombardo e Cardaci, 1998) Tre sono i filoni in cui si raggruppano tali teorie: le teorie interpretative (Schacter e Singer, 1962; Mandler, 1984); le teorie delle valutazioni cognitive (appraisal) e delle ten- denze all’azione (Arnold, 1960; Frijda, 1986; Smith ed Ellsworth, 1985, Roseman, 1991; Scherer, 1984); e le teorie della rappresentazione cognitiva (categoriale e schematica) (Fehr e Russel, 1984; Shaver et al., 1987; Conway e Bekerian, 1987) Secondo le teorie interpretative l’emozione è composta da uno stato di attivazione dell’organismo (arousal) e dalla conseguente interpretazione cognitiva della situazione. Questi processi non hanno in sé nulla di emotivo ma operano, attraverso processi di attri- buzione causale, al fine di definire la qualità dell’esperienza emotiva. Schachter e Singer (1962), per esempio, in un esperimento manipolano l’attivazione fisio- logica, le aspettative e il contesto situazionale, concludendo che l’emozione può essere considerata come uno stato di risveglio fisiologico e di una cognizione appropriata a questo stato. E’ la cognizione che determina se lo stato di attivazione sarà etichettato come gioia, paura, rabbia, ecc. Anche Mandler (1984) distingue tra attivazione (arousal) dell’organismo e interpretazione cognitiva. Egli sostiene che l’arousal è la percezione dell’attività del sistema nervoso sim- patico. Si tratta, però, di una percezione globale e indifferenziata che non può contribuire a definire la qualità delle emozioni o a distinguerle l’una dall’altra. Secondo questo autore, l’esperienza emotiva è il risultato dell’interazione tra l’attivazione del sistema nervoso au- tonomo e un’elaborazione cognitiva, che si basa sull’analisi del significato che gli eventi hanno in rapporto alle aspettative della persona. Tale elaborazione è responsabile della qualità e del contenuto delle emozioni. Secondo Mandler, l’esperienza emotiva richiede dunque la consapevolezza da parte dell’individuo dei fattori che determinano il processo emotivo. Le teorie delle valutazioni cognitive (appraisal) e delle tendenze all’azione sostengono che il sorgere di un’emozione è connesso alla valutazione di una situazione e che, patterns di risposte

Anteprima della Tesi di Raffaella La Mura

Anteprima della tesi: Emozioni al lavoro: uno studio nella ASL NA 5, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Raffaella La Mura Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5075 click dal 29/05/2006.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.