Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trattamento del dolore acuto nell'ambito dell'emergenza extraospedaliera: l'autonomia infermieristica, la collaborazione multidisciplinare, le prospettive future

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Gli infermieri: ¾ rilevano il dolore seppur ancora non abbiano adottato uno strumento che renda questa metodica omogenea; ¾ riconoscono al dolore, in una scala da 0 a 10, una priorità superiore ad 8, nonostante il ricorso al protocollo di analgesia sia scarso; ¾ associano al dolore un inutile patimento ma hanno timore, paura di trattarlo con la morfina secondo il protocollo a loro disposizione; ¾ vivono l’analgesia più che per trattare il dolore della persona, in funzione al trasporto in sicurezza della persona in ospedale; ¾ gli effetti collaterali, e tra questi la depressione respiratoria, rappresentano i principali ostacoli alla gestione del dolore, nonostante la possibilità di somministrare l’antagonista degli oppioidi in caso di comparsa di uno di questi; ¾ sentono molto la responsabilità della somministrazione di un farmaco che in autonomia e discrezionalità, scelgono di utilizzare, pur avendo un protocollo e pur, in alcuni casi, utilizzando tale farmaco al di fuori delle precise e (talvolta) limitate indicazioni; ¾ hanno un bel pensiero ad utilizzare il protocollo di somministrazione della morfina, ma sono sensibili al dolore, tanto che propongono per dolori di intensità moderata l’adozione di protocolli di somministrazione di farmaci antidolorifici.

Anteprima della Tesi di Paolo Onesti

Anteprima della tesi: Il trattamento del dolore acuto nell'ambito dell'emergenza extraospedaliera: l'autonomia infermieristica, la collaborazione multidisciplinare, le prospettive future, Pagina 7

Tesi di Master

Autore: Paolo Onesti Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 22132 click dal 05/07/2006.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.