Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi territoriale della marginalizzazione del settore agricolo per la valutazione ambientale del territorio rurale dell'Unione Europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Cap. 1 – La marginalizzazione agricola : processi e conseguenze __________________________________________________________________ 14  Estensificazione: Riduzione nel livello di input per unità di terreno  Ottimizzazione:. Riduzione dagli attuali livelli (elevati) di input, per unità di terreno allo scopo di una più efficace combinazione dei fattori di produzione  Marginalizzazione: Diminuzione nel livello di input per unità di terreno, oltre il punto di ottimizzazione. È generalmente causa di cambiamento di uso del suolo. La marginalizzazione è perciò considerata una forma particolare di estensificazione . Anche Baudry e Acx (1993) classificano il processo tipico di declino agricolo come una serie di passaggi che conducono dall’estensificazione all’abbandono, quando la produzione agricola cessa di essere l’obiettivo primario dell’utilizzo del suolo. Inizialmente, viene trascurata la manutenzione delle infrastrutture, poi, mentre si riducono metodi di conduzione, i sistemi di coltivazione tradizionali e relativamente complessi tendono ad essere semplificati, la produzione si orienta al minimo e, infine, si giunge all’abbandono. Questo può avere importanti implicazioni per la conservazione della natura, come sarà discusso in seguito nel capitolo 2. Un esempio di situazione marginale: oliveti a Grosseto, Toscana Al momento, il tasso di abbandono medio degli oliveti in Italia è valutato a 30.000 ha per anno. Oliveti con resa inferiore a 1,5 ton/ha sono considerati marginali e passibili di abbandono; una resa di 3 ton/ha è considerata accettabile , sebbene piantagioni più intensive possano raggiungere 8 ton/ha. Nella parte interna della provincia di Grosseto, le rese sono molto basse, oscillando da 0,6 a 1,5 ton/ha. In questa provincia, la dimensione media delle aziende con oliveti è 1,08 ha. Questi piccoli oliveti sono coltivati principalmente per consumo familiare , e solo l’eccesso è venduto. Almeno il 30% dei coltivatori ha oltre 65 anni di età. Si è stimato che circa il 30% degli oliveti della provincia sia abbandonato, mentre un ulteriore 20% può essere classificato marginale. Generalmente, in assenza di gestione, gli oliveti sono invasi da sterpi in 4-5 anni. Entro un periodo di 9-15 anni, si sarà sviluppata una struttura di bosco ceduo. Fonte: Petretti, 1995.

Anteprima della Tesi di Claudia Bulgheroni

Anteprima della tesi: Analisi territoriale della marginalizzazione del settore agricolo per la valutazione ambientale del territorio rurale dell'Unione Europea, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Claudia Bulgheroni Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1524 click dal 27/10/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.