La rappresentazione massmediatica della scienza: analisi di un caso empirico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Secondo le cosiddette “teorie dominanti” esiste un sapere scientifico proprio di una cerchia ristretta di specialisti che viene trasmesso all’esterno, ma i destinatari non possedendo le chiavi di lettura adatte non riescono a comprenderlo. Questa mancanza di codice interpretativo dovrebbe rendere impossibile ogni forma di comunicazione al di fuori degli specialisti ma tuttavia la trasmissione del sapere avviene in modo massiccio attraverso ciò che viene definita divulgazione scientifica. Essa è definita come “trasmissione di conoscenza scientifica ad un pubblico profano finalizzata a scopi di edificazione, legittimazione e apprendimento” [Whitley, 1985, p. 3]. Così la comunicazione diventa un procedimento di “traduzione” che trasforma la conoscenza degli esperti (sapere primitivo) in conoscenza comprensibile ai non esperti (sapere nuovo). Si ha in questo modo un divaricamento dei saperi in quanto il processo di traduzione va a coincidere con un processo di decadimento a causa della semplificazione dei contenuti originari ma anche di deterioramento, banalizzazione e volgarizzazione di essi. Ciò è dovuto all’uso di un linguaggio metaforico non compatibile con i concetti “puri” del linguaggio scientifico (che fa largo uso dell’analogia). Nel quadro appena delineato rivestono un ruolo di particolare importanza i giornalisti che, investiti della carica di divulgatori, detengono il potere dei media e sono deputati a colmare il dislivello esistente tra scienziati e pubblico. Lo scienziato, d’altro canto, si proclama estraneo al processo di comunicazione pubblica deprecando gli errori e gli eccessi dei comunicatori in termini di inaccuratezza e di spettacolarizzazione. Con il termine blame the messenger (accusa del messaggero) si sottolineano i limiti della pratica giornalistica (tempo e spazio ridotto, istruzione scientifica non adeguata) come i principali responsabili della cattiva comunicazione delle idee scientifiche e del 7

Anteprima della Tesi di Sabrina Mallimaci

Anteprima della tesi: La rappresentazione massmediatica della scienza: analisi di un caso empirico, Pagina 5

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Sabrina Mallimaci Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1368 click dal 30/01/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.