Senza Confini

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Senza Confini 10 strutture note, in qualche modo cioè chiedendogli di condividere un linguaggio comune. “Questi artisti”, afferma, “sono più interessati al coinvolgimento dell’osservatore nelle strutture che alla mera costruzione di oggetti da guardare. Il loro stile è meno autoritario rispetto a quello degli scultori che li hanno preceduti; le loro opere non sono più monolitiche, e l’immaginario cui attingono richiamandosi a ponti, cortili o edicole le rende accessibili”. Al centro di numerosi analisi, la città è ormai un oggetto indefinibile anche per addetti ai lavori come architetti, urbanisti e geografi. In essa come in un concetto-valigia, rientra un insieme complesso di luoghi, non luoghi, aree pedonali o dimesse, nuove costruzione, vecchie costruzioni, copertura, rivestimenti, smantellamenti, percorsi, discorsi e incidenti che a vario titolo riconduciamo al concetto di città. In realtà la città è oggi l’immagine stessa del nostro tempo, colossale e impraticabile metafora. Gli artisti più innovativi mettono a confronto le loro opere con la città-metafora dello spazio in costante trasformazione.

Anteprima della Tesi di Nadia Melgrani

Anteprima della tesi: Senza Confini, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Arte e comunicazione multimediale

Autore: Nadia Melgrani Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2639 click dal 07/02/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.