Teoria e pratica della traduzione: la filiazione e le sentenze del ''Journal del tribunaux''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 traduzione “che sia non solo corretta linguisticamente, non solo testualmente coerente, ma anche non contraddittoria giuridicamente” 24 . Non è certamente da trascurare l’uso della forma passiva e delle forme impersonali, a questo proposito gli esempi sono innumerevoli: il y a lieu de, il est indiqué, il est équitable de, il est incontestable, il résulte de/que, il est de l’intérêt de, il est rendu applicable par, il faut préciser que, il faut bien constater/relever que, il se déduit que, il ne peut se déduire que, il n’est pas contesté, c’est à tort que, il n’apparaît pas, il n’est pas déraisonnable de, on peut ajouter,on peut en déduire, ecc. Queste ultime due forme indicano la necessità di sottolineare la valenza universale e non soggettiva di quanto esposto nel testo giuridico mettendo nettamente in disparte l’autore. In riferimento alla sintassi, si deve ancora notare che spesso si ha il ricorso alla ripresa anaforica, volta ad evitare contemporaneamente ogni possibile fraintendimento oltre ad ulteriori ripetizioni che sempre per lo stesso scopo nel testo giuridico di certo non mancano. Tra le tante espressioni si vedano: celle-ci, celui-ci, ci-joint, cité ci-dessus, susnommé, ladite, ceci, à cet égard, ecc. Dal punto di vista stilistico si noti anche il frequente ricorso allo stile nominale, ad esempio l’impiego di sostantivi astratti con desinenza in “ion”: possession, fonction, application, ecc. 1.4. La traduzione giuridica. Il prossimo passo nell’analisi del corpus oggetto della presente tesi consiste nel prendere in considerazione la traduzione giuridica, con i problemi che essa può porre al traduttore e con i possibili approcci traduttivi che quest’ultimo può scegliere. 24 Ansalone, M. R. (1997), Il francese giuridico: riflessioni su di un’esperienza didattica (e traduttiva), in “La lingua del diritto. Difficoltà traduttive. Applicazioni didattiche.”, Milano, CISU, p. 259.

Anteprima della Tesi di Lara Pratella

Anteprima della tesi: Teoria e pratica della traduzione: la filiazione e le sentenze del ''Journal del tribunaux'', Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori

Autore: Lara Pratella Contatta »

Composta da 679 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3092 click dal 21/10/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.