Caratterizzazione enzimatica ed elettroforetica del latte di capra Garganica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Polimorfismi delle caseine del latte di capra Le caseine presenti nel latte dei ruminanti (αs1, β, αs2 e k) sono codificate da 4 geni autosomici (CSN1S1, CSN2, CSN1S2 e CSN3) strettamente associati (Figura 2) in un tratto di DNA di circa 250 kb del cromosoma 6 (Leroux e Martin, 1996; Rijnkels, 2002). Tra le caseine del latte, la frazione più ampiamente studiata è la αs1-caseina. Per essa sono stati identificati 17 alleli distribuiti in 7 classi di varianti proteiche ed associati a 4 livelli di espressione dell’αs1-caseina: forte, medio, debole e nullo. Gli alleli forti (A, B1, B2, B3, B4, C, H, L, M) sono associati ad un livello di produzione di αs1-caseina pari a 3,5 g/l, gli alleli intermedi (E, I) ad un livello di produzione di 1,1 g/l, gli alleli deboli (F, D, G) a 0,45g/l di αs1-caseina e gli alleli nulli (01, 02, N) ad una apparentemente mancata produzione di questa proteina. Solo recentemente sono stati ipotizzati gli eventi mutazionali responsabili della formazione dei 17 alleli del gene che codifica per la αs1-caseina, osservati nella razza caprina (Chianese et al., 1997; Bevilacqua et al., 2002; Ramunno et al., 2005). L’allele B1 sembrerebbe essere l’allele ancestrale, dal quale si sono originate due linee alleliche divergenti: A-type (alleli A, 01, 02, D, I, G, H) e B-type (alleli B2, B3, B4, C, E, F, L). Gli alleli M e N potrebbero essere derivati da eventi di ricombinazione interallelica tra gli alleli del tipo A e quelli del tipo B. L’albero filogenetico che rappresenta gli eventi mutazionali a carico del gene che codifica per la αs-1 caseina, proposto da Cosenza et al., 2007, è rappresentato nella Figura 3. I polimorfismi attualmente noti a carico della αs2-caseina caprina comprendono 5 alleli associati ad un livello di produzione di proteina normale (A, B, C, E, F e G), l’allele D, associato ad un basso livello di sintesi ed un allele nullo, che comporta l’assenza di sintesi proteica (Boulanger et al., 1984; Bouniol et al., 1994; Lagonigro et al., 2001; Ramunno et al., 2001; Erhardt et al., 2002). E’ stato recentemente proposto un meccanismo evolutivo che identifica l’allele A come possibile allele ancestrale (Sacchi et al., 2005). Le varianti alleliche del gene CSN2, relativo alla β-caseina, associate ad un contenuto normale di proteina sono identificate come A, B (Mahè e Grosclaude, 1993) e C (Neveu et al., 2002), mentre le varianti classificate come alleli nulli sono: CSN2*0,

Anteprima della Tesi di Donatella Russo

Anteprima della tesi: Caratterizzazione enzimatica ed elettroforetica del latte di capra Garganica, Pagina 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Agraria

Autore: Donatella Russo Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2284 click dal 10/10/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.