Skip to content

Natura e antinatura - Spinozismo e antispinozismo nel pensiero sadista

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 saggio Il soggetto assoluto e i suoi diritti nell’universo sadista, sia, metodologicamente, la più corretta. Essa si propone di considerare con il termine “Sade” esclusivamente «l’autore – abiografico – dei testi di Sade in sé presi» 5 . In questa prospettiva d’analisi è possibile, infatti, presentare unicamente «una forma di pensiero, non un personaggio letterario o una persona vivente: non il “sadiano”, ma il “sadista”» 6 . Si tratterà, dunque, di affrontare unicamente il pensiero degli eroi letterari del Sade. Tale proposta analitica ci consente di non fare parallelismi tra il pensiero del Marchese e quello dei suoi protagonisti letterari, ma, al contrario, di attribuire il fondo di questo pensiero unicamente a questi ultimi. Il rapporto realtà-finzione trova, così, una corretta soluzione. Il carattere finzionale rimane, dal momento che il pensiero viene associato unicamente ai protagonisti letterari dei romanzi (e non a Sade); e questo ci permette di non trascurare il piano narrativo-testuale. Allo stesso tempo si tratta di dare realtà a questa finzione. Ciò rimanda, più in generale, al senso in cui leggere il romanzesco. Che l’eroe sadista sia un soggetto letterario, e dunque fittizio, è indubbio. Ma va anche sottolineato che questo soggetto è portatore di un pensiero. Ciò significa leggere filosoficamente il romanzo, e considerare l’eroe sadista anche come un soggetto filosofico. Più precisamente, la nostra soluzione è quella di mostrarlo come l’unico soggetto filosofico, permettendoci di prendere le distanze da ogni qualsiasi questione sulla reale opinione filosofica dell’autore. Attribuire il pensiero dei romanzi di Sade ai suoi protagonisti, significa, anzitutto, analizzare le parole di un Dolmancé, di un Bressac, di una Juliette etc., come parole affermate da un Dolmancé, da un Bressac o da una Juliette, e non da Sade. Che poi queste parole possano essere state condivise dal Sade, ciò è probabile. Ma si tratta di un’altra questione, di cui noi, per prudenza, non vogliamo entrare nel merito. E’ opportuno introdurre il discorso con una breve rassegna delle opere che saranno prese in considerazione. Come punto di partenza si può assumere il primo testo letterario, Il dialogo tra un prete e un moribondo del 1782. Esso permette di fissare l’inizio della riflessione sadista sulla Natura. Poi, ovviamente, si terrà conto delle opere più famose: la Justine, in tutte e tre le diverse edizioni (Justine, Gli infortuni della virtù, del 1787 Justine ovvero le disavventure dalla virtù, del 1788 e La Nouvelle Justine, del 1797), Le 120 giornate di Sodama (1785), La filosofia nel boudoir (1795), e la Juliette (1797) 7 . Il motivo 5 L. Lombardi Vallauri, Il soggetto assoluto e i suoi diritti nell’universo sadista, in: Terre, Terre del nulla, terra degli uomini, terra dell'oltre, Vita e Pensiero, Milano 1995. 6 Ibidem. 7 In realtà quest’opera costituisce la seconda parte de La Nouvelle Justine, il cui titolo originale completo è, appunto, La Nouvelle Justine, ou les Malheurs de la Vertu, suivie de l’Histoire de Juliette, sa soeur,
Anteprima della tesi: Natura e antinatura - Spinozismo e antispinozismo nel pensiero sadista, Pagina 3

Indice dalla tesi:

Natura e antinatura - Spinozismo e antispinozismo nel pensiero sadista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Daniele Foti
Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
Anno: 2007-08
Università: Università degli Studi di Pavia
Facoltà: Lettere e Filosofia
Corso: Storia della filosofia
Relatore: GiuseppeInvernizzi
Lingua: Italiano
Num. pagine: 171

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antinatura
antropocentrismo
contratto sociale
decalogo
egoismo
etica dei valori assoluti
finalismo nero
libertà
male
materialismo
morale del vizio
natura
provvidenzialismo
sade
scuola di francoforte
spinoza
spinozismo
surrealismo
totalitarismi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi