Un confronto tra l'approccio narrativo in psicologia e nella Teologia Fondamentale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 esperisce, perché è il soggetto stesso che crea, costruisce, inventa ciò che crede che esista. 1.3 Origini del costruttivismo Ripercorrendo la storia, si può riconoscere nel filosofo italiano Gianbattista Vico (Von Glasersfeld, 1984) la paternità del pensiero costruttivista. Egli spiega che la mente umana giudica le cose lontane e inaccessibili tramite ciò che le è familiare e vicino (Abbagnano, Fornero, 1991). La frase vichiana si riferiva alle grandi distanze nella storia, distanze di secoli e millenni. La psicologia costruttivista, ignara di Vico, reinventa quell’idea, denominandola “assimilazione” (Piaget, 1926), e ne fa un principio universale, applicabile non solo ai ricordi di tempi lontani nella storia delle civiltà, ma a tutto ciò che viene percepito, soprattutto a ciò che, nella storia dell’individuo, viene ripreso dopo un intervallo di tempo relativamente breve. Secondo questo principio, non si può ricostruire il passato se non attraverso i concetti ed i ragionamenti del presente (ibidem). Agli inizi del XVI secolo, Vico fu il primo a mettere in discussione il metodo scientifico introdotto da Descartes, facendo corrispondere la conoscenza razionale alla costruzione della mente che organizza l’esperienza, da cui la nota affermazione verum ipsum factum (il vero è il fatto stesso) (Abbagnano, Fornero, 1991). Anche nelle teorie degli empiristi inglesi Locke, Berkeley e Hume (ibidem), emerge il dubbio che le qualità che comunemente si associano alle cose dipendono in realtà non dalle cose stesse ma dalla riflessione dell’osservatore che costruisce le relazioni attraverso i concetti di tempo, spazio, movimento, numero, causa, ecc.. Successivamente è stato Kant (1793) a delineare i concetti al pari di principi regolatori dell’esperienza (i precursori di ciò che oggi viene chiamato

Anteprima della Tesi di Marco Molinari

Anteprima della tesi: Un confronto tra l'approccio narrativo in psicologia e nella Teologia Fondamentale, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Marco Molinari Contatta »

Composta da 398 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2992 click dal 24/10/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.