Pierre Janet, le origini della disaggregazione psicologica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

V PREMESSA Col termine disaggregazione, Pierre Janet (1889) fa riferimento a quella condizione psicologica che fa seguito alla mancata elaborazione di un evento carico emotivamente tanto da sovrastare la capacità di un individuo di adattarsi alle mutevoli e alle volte drammatiche situazioni della vita reale. Secondo Janet, quando l‟evento traumatico si innesta sul terreno di una debolezza congenita del sistema nervoso centrale, può derivarne una disaggregazione, ovvero una dissociazione della psiche tale da permettere la nascita di una o più personalità ulteriori che agirebbero al di sotto della coscienza ma potrebbero anche manifestarsi vividamente, ad esempio nel corso di stati sonnambulici spontanei, oppure durante episodi deliranti di tipo isterico, o ancora col ricorso a sonni ipnotici veicolati deliberatamente dal medico nella speranza di una possibile elaborazione terapeutica. Questo testo nasce dal desiderio di comprendere meglio le origini della psicologia dinamica contemporanea, risalendo indietro nel tempo fino ad oltrepassare i limiti cronologici che vengono fatti coincidere abitualmente con le date che segnarono la nascita del movimento psicoanalitico. A questo proposito nel primo capitolo ci dedicheremo ad un breve studio sul magnetismo, una pratica curativa basata sulle ipotetiche proprietà salutari di particolari metalli che, applicati lungo le parti sofferenti del corpo, avrebbero la capacità di riequilibrare la distribuzione delle nostre cariche energetiche interiori in modo da ripristinare il nostro corretto funzionamento a livello psichico e fisiologico. Lo stato di suggestione che faceva seguito all‟applicazione dei magneti spingeva alcuni soggetti verso una condizione di intorpidimento psichico che venne in seguito riconosciuta come stato di sonnambulismo indotto, ovvero non conseguito in modo spontaneo bensì sotto la guida di un guaritore che, inizialmente, non era sempre consapevole dei possibili effetti degli esperimenti da lui compiuti sui malati che lo interpellavano. Nei decenni che seguirono divenne sempre più evidente che, addormentando la coscienza di un individuo affetto da turbe di tipo isterico, era possibile instaurare un dialogo con una seconda personalità nascosta al suo portatore del quale ella, al

Anteprima della Tesi di Sergio Divino

Anteprima della tesi: Pierre Janet, le origini della disaggregazione psicologica, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Sergio Divino Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3691 click dal 02/04/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.