Web 2.0: rivoluzione o evoluzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 1) COSA È IL WEB 2.0 La definizione di web 2.0 fu ufficializza da Tim O'Reilly nel 2002. Con tale termine si intende lo sviluppo che il web ha conosciuto dallo scoppio della bolla di Internet negli anni 2000-2001 fino a oggi. Precisamente il termine WEB 2.0 raggruppa tutti i siti o le applicazioni, in continua evoluzione1, nei quali l‟utente può avere un elevato grado di partecipazione, creando, egli stesso, contenuti ,a titolo gratuito e volontario, avvalendosi anche della collaborazione di altri User2. Si assiste perciò al consolidarsi di una visione del web come piattaforma3 e non più semplicemente come un supporto connettivo. Ciascun utente, indipendentemente dal curriculum o da qualifiche reali, può essere autore ed editore di se stesso, ovvero un user generated content4”. Non essendo previsto un controllo alla pubblicazione da parte del sito, è la swarm inteligence, cioè l‟intelligenza collettiva, che si occupa di selezionare per tutti gli utenti i contenuti di qualità; si tratta di “una saggezza che emerge da una folla in modo automatico”5 attraverso gli strumenti dei link reciproci6 e delle folksonomie, cioè classificazioni7 effettuate dai vari utenti e non da esperti e specialisti. La definizione web 2.0 trova un‟efficace rappresentazione nella copertina del Time dedicata al personaggio dell‟anno 2006: “YOU”; ovvero l‟utente che è al centro della rete che determina e utilizza. 1 Perpetual Beta 2 Used Generated Content 3 O’Reilly 2005 4 Ugc 5 Il concetto era già stato teorizzato dal mediologo P. Levy 1994 6 Collegamenti vicendevoli di due blog 7 tramite parole chiavi chiamate tag

Anteprima della Tesi di Gabriele Pagani

Anteprima della tesi: Web 2.0: rivoluzione o evoluzione, Pagina 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Gabriele Pagani Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2276 click dal 08/04/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.