Skip to content

Impresa 2.0: nuovi paradigmi per organizzazione, innovazione e comunicazione digitale

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I. Web 2.0: il web sociale e la dimensione collaborativa - 2 - tecnico. Lo scopo finale del Web è quello di sostenere e migliorare la nostra vita in rete nel mondo”. Tale ideale trovò supporto nell‟aprile del 1993 quando il CERN rese di pubblico dominio il codice sorgente del World Wide Web, in modo tale che chiunque avrebbe potuto usare o sviluppare il software senza nessuna somma da pagare. L‟invenzione del Web, con la posta elettronica, i browser per la navigazione in rete e i sistemi ISP[3] hanno segnato la “prima rivoluzione di Internet”. Un mix di geniali intuizioni e invenzioni tecnologiche, definite nel loro insieme “primo Web” o “Web 1.0”, che attraverso il desiderio di comunicare e condividere esperienze hanno portato allo sviluppo di decine di strumenti e servizi. Nato inizialmente come strumento circoscritto ad un ambito, prima militare poi accademico ristretto, il Web, di pari passo con l‟evoluzione di fattori tecnologici aventi l‟obiettivo di fornire una connettività capillare e veloce tra i nodi della Rete (si pensi all‟ADSL, al wi-fi, al bluetooth) e una maggiore disponibilità di risorse hardware e software, è diventato uno strumento di comunicazione di massa parimenti (e a volte con un valore aggiunto rispetto a questi) alla tv, alla radio, alla carta stampata, al telefono[4]. L‟obiettivo comune che ha saputo aggregare gli sforzi di moltissime persone sparse per il mondo ma unite dalla rete non era l‟affermazione dei propri interessi particolari ma la realizzazione collettiva di una rete sempre più utile ed efficiente. In tale ottica ogni software sviluppato e messo a disposizione degli altri non era un mero prodotto commerciale ma un libero contributo ripagato dalla possibilità di utilizzare il lavoro prodotto da altri. Il passaggio dal “Web 1.0” al “Web 2.0”[5] nel primo decennio del nuovo millennio è stata la logica conseguenza di questa evoluzione. Se il “primo Web” è stato [3] ISP (Internet Service Provider), chiamato anche IAP (Internet Access Provider), è una compagnia o azienda che offre ai propri utenti l‟accesso alla rete Internet in dial-up o banda larga e altri servizi correlati (caselle di posta elettronica, spazi web, registrazione domini, ecc.). I maggiori ISP italiani sono: Telecom Italia, Infostrada, Tiscali, Tele 2, Fastweb. [4] Cfr. Storia di Internet – Wikipedia, http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_di_Internet (consultato in data: 20 Ottobre 2009). [5] Il termine fu coniato e utilizzato per la prima volta nel 1999 da Darcy DiNucci nel suo articolo “Fragmented Future” in cui l‟autrice scrisse: “the web we know now, which loads into a browser window in essentially static screenfuls, is only an embryo of the Web to come. The first glimmerings of Web 2.0 are beginning to appear, and we are just starting to see how that embryo might develop. The Web will be understood not as screenfuls of text and graphics but as a transport mechanism, the ether through which interactivity happens. It will […] appear on your computer screen, […] on your TV set […] your car
Anteprima della tesi: Impresa 2.0: nuovi paradigmi per organizzazione, innovazione e comunicazione digitale, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Impresa 2.0: nuovi paradigmi per organizzazione, innovazione e comunicazione digitale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Mercuri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Federica Codignola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 277

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

blog
business tv
collaborazione
comunicazione
comunicazione digitale
comunicazione unificata
conoscenza organizzativa
crowdsourcing
economia collaborativa
enterprise 2.0
impresa 2.0
indesit company
innovazione
intranet
knowledge management
open innovation
organizzazione
social media
social network
videoconferenza
web 2.0
wiki
wikimpresa
wikinomics

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi