Skip to content

Moravia saggista in articoli noti o sconosciuti: 1927-1945

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Se, infat, «la crisi del romanzo fa parte di una crisi generale della leteratura», per il giovane Pincherle «il degente predileto è il Romanzo o quella forma di prosa narratva che comunemente si nomina romanzo»; fn dagli esordi lo scritore romano dimostra così la sua predilezione per questo genere leterario e la volontà di ergersi a sostenitore e difensore di esso. La malata che afiggeva il romanzo, secondo Moravia, consisteva in una sua difusa “cerebralità”, in uno squilibrio vistoso tra il pensiero e l’azione, per una prevalenza abnorme del primo sulla seconda, che ostacolava «una rappresentazione vera e sopratuto convincente della vita. Tale ipertrofa del pensiero è esemplifcata dallo scritore con una seconda serie di immagini metaforiche, questa volta non più incentrate sul tema della malata ma su quello della «gran fera psicologica»; ad essa partecipano i «pensieri colpevoli che passeggiano indisturbat per i lobi del cervello umano» 14 , la «subcoscienza» 15 , che si intratene in piacevoli conversazioni con «l’associazione delle idee», e anche la «fantasia» e la «memoria», che danzano al ritmo della grancassa suonata dalla leteratura, «così malridota, lacera, e miserabile, così…cerebrale» 16 . Moravia precisa, però, che i suoi idola polemici non sono tanto «Pirandello, Joyce e Proust», che egli considera «stelle di prima grandezza nel cielo leterario; stelle fsse», quanto piutosto i “satellit” che ruotano intorno a quest astri, gli epigoni che hanno fato degenerare l’insegnamento dei loro modelli. Per far rinascere il genere romanzo Moravia indica due rimedi fondamentali: in primo luogo, restaurare «un equilibrio rigoroso del pensiero e dell’azione, equilibrio che nei tempi passat ha 14 Ibidem. 15 Il termine subcoscienza indica l’insieme delle atvità psichiche che non entrano nei limit della coscienza, ma cadono in una zona più marginale ed oscura, pur contribuendo a mantenere l’unità del soggeto. Adotato già da Leibniz e Herbart, il conceto, usuale in psicologia e in psicopatologia alla fne dell’Otocento, fu ripreso da Freud in alcuni dei suoi primi scrit, come sinonimo di inconscio. Compare infat nell’artcolo pubblicato in francese, Alcune considerazioni per uno studio comparato delle paralisi motorie organiche e isteriche (1893) e in un passo degli Studi sull’isteria (1895). Il termine fu, in seguito, respinto dallo stesso Freud, poiché sembrava implicare la nozione di una seconda coscienza che, per quanto atenuata, rimaneva in rapporto con i fenomeni consci; fu così espunto dal vocabolario psicanalitco. L’adozione di esso da parte di Moravia non implica necessariamente, quindi, la totale estraneità dello scritore alla dotrina freudiana. 16 A. Pincherle, C’è una crisi del romanzo?, cit., p1. 11
Anteprima della tesi: Moravia saggista in articoli noti o sconosciuti: 1927-1945, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Moravia saggista in articoli noti o sconosciuti: 1927-1945

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Serena Senesi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Giancarlo Bertoncini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 301

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

moravia
articoli
poetica del romanzo
saggi letterari
riviste e quotidiani fascisti
epoca fascista
articoli inediti
pseudonimi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi