Mutui sub-prime e cartolarizzazione nella crisi finanziaria del 2007

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 INTRODUZIONE Nell’estate 2007 l’economia mondiale è entrata in una fase di recessione, la quale ha portato alla piø grande crisi dal dopoguerra, che per molti versi è ancora in corso. Alcuni commentatori fanno risalire l’inizio della crisi ad alcuni rumors i quali affermavano che due hedge fund gestiti da Bear Sterns, i quali avevano investito in titoli garantiti dai cosidetti mutui subprime, erano in procinto di registrare gravi perdite come conseguenza delle difficoltà del mercato immobiliare, che aveva conosciuto una forte espansione negli anni precedenti per poi registrare una brusca frenata. Successivamente sono stati diversi gli intermediari finanziari che hanno riportato forti perdite come conseguenza dello scoppio della bolla che aveva caratterizzato il mercato immobiliare statunitense, mentre nel contempo le agenzie di rating mettevano sotto osservazione diverse assets backed securitizations, che avevano quali garanzia delle ipoteche residenziali emesse negli anni appena precedenti la crisi, in vista di un declassamento. L’influenza del mercato immobiliare sulle origine della crisi ha portato a definire la stessa come “la crisi dei mutui subprime”. Nel mondo nordamericano vengono definiti come “subprime” i mutui erogati a persone dalla scarsa qualità di credito, e piø precisamente soggetti che presentano, secondo l’ Interagency Expanded Guidance for Subprime Lending programs, le seguenti caratteristiche: • due o più ritardi di 30 giorni nei rimborsi nel corso degli ultimi 12 mesi, oppure uno o più ritardi di 60 giorni nel corso degli ultimi 24 mesi; • sentenza di esecuzione, vendita forzata, recupero o charge-off nei 24 mesi precedenti; • Un fallimento negli ultimi 5 anni; • Una probabilità di insolvenza relativamente alta, indicata tipicamente da un punteggio FICO 1 pari o inferiore a 660 (a seconda del prodotto o del collaterale) o da una forma di misurazione equivalente del rischio di default; • Un rapporto pagamenti al servizio del debito/reddito pari o superiore al 50 per cento; oppure una limitata capacità di sostenere le spese per il sostentamento della famiglia dopo la deduzione dal reddito dei pagamenti mensili al servizio del debito. Come si intuisce dalla loro descrizione, i mutui subprime sono uno strumento finanziario rischioso, il cui mercato tuttavia ha conosciuto una forte espansione negli anni precedenti la crisi grazie al processo di cartolarizzazione, il quale ha consentito di ottenere da tali mutui asset backed securities le quali sono state rivendute sul mercato. Proprio il processo di cartolarizzazione di tali strumenti è 1 Per la definizione di punteggio FICO consultare pagina 18

Anteprima della Tesi di Lorenzo Lanfossi

Anteprima della tesi: Mutui sub-prime e cartolarizzazione nella crisi finanziaria del 2007, Pagina 2

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Lorenzo Lanfossi Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2351 click dal 06/11/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.