Skip to content

Gheddafi: la fine di un dittatore - Immagini e parole di una guerra mediatica

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 situazione il governo, guidato da Hussein Mazegh, avvia le trattative per un’immediata evacuazione di tutte le truppe straniere ma, ancora una volta, re Idris interviene e blocca l’iniziativa: niente smantellamento immediato delle basi straniere e cambio di governo. Mentre la Libia sembra sempre di piø un vero e proprio protettorato anglo-americano, nel resto del mondo arabo imperversano nazionalismo e socialismo, il nasserismo è sempre piø invadente (le scuole libiche sono colme di maestri egiziani politicizzati) e l’aggressività di Israele funge da collante per il popolo arabo. Re Idris, ormai percepito come un servo degli occidentali e come un traditore della causa araba, ha i giorni contati ed è sempre piø arroccato nei suoi palazzi. 1.2 “Operazione Gerusalemme” Mentre re Idris, ormai ottantenne, prepara la successione a favore di suo nipote, il principe Hasan al-Rida, un gruppo di giovani ufficiali dagli ideali arabo-nazionalistici prepara un colpo di stato. ¨ il 1° settembre del 1969 quando scatta “l’operazione Gerusalemme”, così percepita dalla stampa europea: «Settanta gagliardi uomini di meno di trent'anni (cinquanta militari e venti civili), che stabiliscono in cinque ore, e senza colpo ferire, un potere rivoluzionario in quello che è un vero protettorato anglo- americano, feudo della Standard Oil e del Pentagono, è la realtà che supera l'immaginazione 6 ». I golpisti sono guidati dal movimento clandestino degli Ufficiali Unionisti Liberi che, nato tra le file dell’esercito, ha in Mu’ammar Gheddafi il proprio leader. Gheddafi, come la maggior parte dei suoi seguaci, ha umili origini: è nato e cresciuto non lontano da Sirte, in pieno deserto, da una famiglia di beduini analfabeti. E’ cresciuto e si è politicamente formato ascoltando la radio egiziana e precisamente la trasmissione “la Voce degli arabi” (Sawt al-‘Arab), che Nasser utilizzava per diffondere il suo progetto politico, fondato su panarabismo e lotta all’imperialismo occidentale. Ha vissuto con entusiasmo e rabbia l’umiliazione subita dal popolo arabo nella guerra dei sei giorni (1967), vinta da Israele, crede fortemente nel progetto di unione dei paesi arabi elaborato da Nasser e considera la presenza di basi straniere sul territorio libico come un oltraggio alla nazione araba. Gheddafi e compagni si fanno portavoce di un malcontento diffuso in modo trasversale fra la popolazione libica, difatti, gli Ufficiali liberi non erano gli unici a preparare un colpo di stato in quei mesi: vi erano almeno altri tre gruppi clandestini che si preparavano a deporre il sovrano con un colpo di mano; tra questi vi era il gruppo legato al capo dell’esercito e braccio destro del 6 ALBERT-PAUL LENTIN,Le nouvel observateur, 29 settembre 1969, «Le pouvoir à neuf tetes»
Anteprima della tesi: Gheddafi: la fine di un dittatore - Immagini e parole di una guerra mediatica, Pagina 6

Preview dalla tesi:

Gheddafi: la fine di un dittatore - Immagini e parole di una guerra mediatica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carmine Rizzo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Rosario Giordano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nato
libia
al jazeera
gheddafi
libro verde
unione africana
idris
lockerbie
tripoli
bengasi
primavera araba
al-arabiya
odyssey dawn
r2p
unified protector
ccr
belhaj
terza teoria universale
striscia di aouzou
risoluzione 731
risoluzione 748
bouchuiguir
risoluzione 1970
risoluzione 1973

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi